Iscriviti

Tu si que vales, Gabriele Andriulli in sedia a rotelle vince il premio Tim

Tra i finalisti di "Tu si que vales" è spiccato il nome di Gabriele Andriulli, un culturista rimasto sulla sedia a rotelle dopo un terribile incidente. La sua forza e la sua tenacia hanno stregato il pubblico ma a far commuovere i giudici sono le sue parole.

Televisione
Pubblicato il 16 dicembre 2019, alle ore 17:57

Mi piace
8
0
Tu si que vales, Gabriele Andriulli in sedia a rotelle vince il premio Tim

La sesta edizione del famoso talenti show “Tu si que vales” ha regalato tante emozioni e molto divertimento. Dopo aver scoperto il nome del vincitore ossia quello di Enrica Musto il programma ha chiuso ufficialmente questa bellissima stagione. La finale ha riservato al vasto pubblico di Canale 5 molti talenti che hanno avuto l’opportunità di gareggiare per conquistare questo grande titolo.

Tra i finalisti è spiccato il nome di Gabriele Andriulli, un giovane culturista finito sulla sedia a rotelle a causa di un incidente verificatosi nel 2011. Da quando aveva 31 anni, il talentuoso Gabriele ha dovuto convivere con una diagnosi molto dura ovvero la paraplegia per lesioni midollari che ha ostacolato le sue attività quotidiane.

Per fortuna, la malattia non è riuscita a togliere a Federico la passione per lo sport, in particolare per il culturismo, che è rimasto sempre impresso nel cuore del concorrente. Molte sono state le difficoltà fisiche e psicologiche da affrontare e tali condizioni sono state raccontate da un breve video di presentazione, dove Federico ha descritto il suo percorso e la sua grande storia.

Sentire la sofferenza e percepire il dolore vissuto da Federico ha suscitato molte emozioni addolcite dal coraggio e dalla grinta del finalista che non ha mai smesso di credere nel suo grande sogno, nonostante tutto. Tra i primi a commuoversi sono stati Belen e Gerry Scotti che non hanno potuto frenare le loro lacrime di comprensione e solidarietà. 

Dopo l’esibizione, il culturista ha confessato la sua commozione e ha specificato che non si ritiene un eroe ma un uomo comune che combatte quotidianamente le sue battaglie: “In tanti mi hanno scritto «Sei un eroe», ma io sono una persona normale. Vorrei farvi vedere quante volte ho fallito, sono caduto, sono arrivato sul punto di dire la smetto perché tanto non ci arrivo. Però, poi, c’è quella forza che abbiamo tutti e che dobbiamo avere il coraggio di tirare fuori. Io sono tremendamente imperfetto”.

I giudici hanno molto apprezzato la determinazione di Federico: Teo Mammucari ha considerato la storia di Federico come una lezione di vita; Maria De Filippi ha precisato che Gabriele può sempre vincere qualsiasi sfida facendo affidamento anche su un altro muscolo ovvero il cuore. Dopo aver incantato il pubblico con la sua grande forza, Federico riceve dai giudici il premio Tim dalla somma di trentamila euro, utile per concedere al concorrente la possibilità di coltivare maggiormente la sua passione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano La Rocca

Gaetano La Rocca - Questo bellissimo racconto ha insegnato ai telespettatori che non esistono limiti capaci di frenare il fuoco della passione. La forza di volontà ha un peso enorme e nessuna malattia può ostacolare un uomo che credere realmente alle sue potenzialità. Federico, da grande culturista, non si è limitato ad esibire i muscoli del suo corpo ma si è molto impegnato ad alimentare l'organo muscolare più importante ovvero il cuore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!