Iscriviti

Storie Italiane, Raffaella Fico in lacrime: insulti razzisti alla figlia Pia

Nel programma di Eleonora Daniele, Raffaella Fico si è aperta e ha raccontato un episodio di razzismo di cui la figlia Pia è stata vittima quando frequentava l'asilo.

Televisione
Pubblicato il 7 novembre 2019, alle ore 17:31

Mi piace
5
0
Storie Italiane, Raffaella Fico in lacrime: insulti razzisti alla figlia Pia

Raffaella Fico, ospite a “Storie Italiane” il programma di Rai 1 condotto da Eleonora Daniele, ha raccontato un episodio di razzismo che ha coinvolto la sua bimba Pia, la figlia avuta con il suo ex compagno, il calciatore Mario Balotelli, anche quest’ultimo vittima di cori razzisti durante l’incontro di calcio con il Verona.

La stessa Raffaella ammette di aver subito violenza verbale ai tempi della sua relazione con Balotelli, quando lavorava in discoteca: “Mi è capitato che quando io entravo mi facevano il verso della scimmia perché stavo con lui“. Ma il pugno nello stomaco lo ha ricevuto anni dopo quando la sua piccola Pia, che all’epoca frequentava l’asilo, è stata oggetto di insulti razzisti: “E’ capitato un episodio bruttissimo all’asilo qualche anno fa”, inizia a raccontare la Fico.

Raffaella Fico, anche la figlia Pia ha subito episodi di razzismo

Pia Ballotelli è stata insultata da un’altra bambina: “Si è rivolta in malo modo a mia figlia: ‘Tu sei una negra di mer*a, tu porti le infezioni, non ti posso dare la mano e prestare i miei giocattoli. Pia dopo mi ha chiesto: ‘Mamma cosa vuol dire negra?’. Come puoi spiegare tutto ciò ad una bambina così piccola”. 

Purtroppo questo gesto ha scatenato in lei la paura che certi episodi possano ripresentarsi in futuro e fare ancora più male. Non si capacita di come ai giorni nostri esistano ancora persone in grado di rivolgersi ad altre in questi termini, cosa che è accaduta anche all’ex compagno che in questo momento gioca nel Brescia. La 31enne lo ha difeso e Pia, che ora ha 6 anni, comincia a rendersi conto di ciò che accade intorno a lei.

La Fico racconta che stava guardando la partita insieme alla figlia, ma hanno visto solo il primo tempo: “Noi la scena di Mario che ha tirato il pallone e ha fermato il gioco non l’abbiamo vista”, ciononostante la piccola ha visto un’intervista avvenuta subito dopo la fine dell’incontro di calcio e ha subito voluto mandare un messaggio al suo papà scrivendogli: “Sono stupidi, non ascoltarli papà”. Rimane comunque la tristezza mista ad amarezza per tutto questo: “C’è gente tarata che, nel 2019, non va oltre. Non lo dico io, lo viviamo”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - E' davvero triste leggere certe notizie. Poi la cosa che mi fa più atterrire è il fatto che anche bambini così piccoli possano essere tanto crudeli e non avere un'educazione che li faccia ragionare su ciò che dicono. Mi spiace doverlo ammettere, ma purtroppo sarà difficile estirpare questi comportamenti retrogradi e incivili.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!