Iscriviti

Simone Montedoro ha sconfitto il tumore ed è pronto per "Don Matteo"

Il talentuoso attore Simone Montedoro torna nell'amata fiction "Don Matteo 12" dopo lunghi anni di assenza. In passato all'attore è stato diagnosticato un tumore alla vie linfatiche che, con grande grinta e coraggio, è riuscito a sconfiggere.

Televisione
Pubblicato il 14 gennaio 2020, alle ore 10:22

Mi piace
12
0

L’attore Simone Montedoro torna nuovamente a vestire i panni dell’amato Giulio Tommasi, capitano dei Carabinieri, nella fiction “Don Matteo” trasmessa da 20 anni su Rai 1. Tale ritorno accende gli animi dei numerosi telespettatori e accadrà nelle prossime puntate della dodicesima edizione di “Don Matteo”, dove il capitano potrà riabbracciare i suoi cari colleghi.

Chiamato a fare parte del cast durante la sesta stagione, Simone Montedoro è riuscito ad entrare nel cuore del vasto pubblico di casa Rai che ha sempre seguito con affetto la carriera dell’attore. Montedoro è stato in grado di ritagliarsi nella serie TV un spazio molto prestigioso: il suo addio, avvenuto nella decima stagione, ha scatenato l’ira dei telespettatori che tramite i social network aprirono una grande protesta.

Distinguendosi nel piccolo schermo anche per altri ruoli interpretativi, Simone Montedoro ha lasciato il segno nella TV italiana anche grazie alla sua partecipazione al talent show “Ballando con le Stelle” nel 2017. Nel programma condotto da Milly Carlucci, Simone ha offerto al pubblico il suo lato più dolce mostrando le sue fragilità e la sua grande ironia.

Affascinato da molte e diverse passioni, Simone ha fatto molti sacrifici per diventare un attore superando grandi ostacoli che lo allontanavano dal suo sogno, arrivato per caso: “In verità non sognavo affatto di fare l’attore, anche se  una volta quando mi chiesero cosa volessi fare da grande, risposi: James Bond! Comunque, la passione per il teatro è nata per caso. Feci un servizio fotografico di moda all’età di diciotto anni e da lì conobbi un agente che mi consigliò di studiare recitazione”.

Come un buon guerriero, Montedoro ha sempre avuto il coraggio di sfidare ogni difficoltà credendo fino in fondo che con la forza di volontà nulla è impossibile. Nel 2004, all’attore gli è stato diagnosticato il linfoma di Hodgkin: un tumore maligno, relativamente raro, che colpisce il sistema linfatico. Tale scoperta ha sconvolto la vita di Simone che ha dovuto prendersi una lunga pausa per curarsi al meglio.

Nonostante la complessità della malattia, l’attore è riuscito a distruggere il mostro e a tornare nel mondo dello spettacolo più forte di prima. La sua carriera vanta una lunga lista di progetti televisivi molto rilevanti come: “Un medico in famiglia”; “Il commissario Montalbano”; “Matrimoni e altre follie”; “Distretto di Polizia”; “Sotto copertura”; “L’isola” e molti altri.  Tra le tante passioni di Simone spicca lo sport infatti l’attore pratica il pugilato e condivide i suoi hobby con la compagna Lara Carnevale, che nel 2014 lo ha reso padre di un bellissimo bimbo.

Cosa ne pensa l’autore
Gaetano La Rocca

Gaetano La Rocca - Simone Montedoro, oltre ad essere un talentuoso attore, è un grande uomo che si è sempre contraddistinto per la sua profonda umanità e simpatia. L'attore, fin dal suo primo esordio, si è sempre mostrato con grande umiltà e la sua dolce personalità è stata molto apprezzata dal vasto pubblico. La sua battaglia vinta contro una dura malattia è diventata una bella storia da raccontare a chi vive una situazione analoga, con lo scopo di inviare un grande messaggio di incoraggiamento. Nella vita ogni ostacolo può essere superato, basta crederci fino alla fine, proprio come ha fatto Simone.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!