Iscriviti

Sanremo 2021, Achille Lauro interpreta "Penelope" con Emma Marrone per gli incompresi: "Il pregiudizio è una prigione"

Il terzo quadro del poliedrico artista Achille Lauro vede la magnifica presenza della cantante Emma Marrone e dell'attrice Monica Guerritore, in omaggio a Penelope e a tutti gli incompresi. Un grido di forza verso l'emarginato, l'isolato e il dimenticato.

Televisione
Pubblicato il 5 marzo 2021, alle ore 12:39

Mi piace
5
0
Sanremo 2021, Achille Lauro interpreta "Penelope" con Emma Marrone per gli incompresi: "Il pregiudizio è una prigione"

Diamante prezioso della terza serata della settantunesima edizione del Festival della canzone italiana è il terzo quadro di Achille Lauro che, in versione “gold”, interpreta “Penelope” con la brillante cantante Emma Marrone. La loro spettacolare esibizione è stata introdotta da un delicato ma potente monologo pronunciato della famosa attrice Monica Guerritore che racconta la sofferenza fatta donna, la libertà mancata e la crudeltà di un mondo che non comprende la sensibilità: “Da quando sono morta ho imparato cose che avrei preferito non sapere, come quando si origlia dietro le porte. Non ho più voce con cui parlare, non riesco a farmi capire nel vostro mondo fatto di corpi, di lingue, di dita”.

Per un attimo, il maestoso Teatro Ariston si abbellisce con antiche colonne e ramoscelli fioriti cosi da proiettare un’Itaca lontana che ospita il fantasma di una Penelope sofferente, delusa e inquieta ma sempre pronta ad accogliere l’amore rischiando pure di tornare a soffrire: “Metà tempo a cercarsi, metà a dirsi basta. L’amore sai accettarlo se sai dare e basta. Ammalarsi aspettando che passa finché non conta ciò che c’è ma solo ciò che manca”.

Con una voce graffiante, un abito splendente e una forza soprannaturale, l’amata cantante Emma Marrone offre la sua arte e il suo talento al collega Lauro che lo accoglie come un dono prezioso, a tal punto da creare un’unione armonica perfetta – come un graffio tagliente – in un quadro che omaggia chi non viene compreso: “Il pregiudizio è una prigione. Il giudizio è la condanna. Dio benedica l’incompresi”.

Travestito da statua marmorea, Achille Lauro canta un inno al coraggio e al riscatto sociale come manifesto di una potente voglia di emergere lasciando il buio per accogliere la luce. L’artista cura ogni movimento e tutti i dettagli della sua performance sono ispirati interamente a Penelope, compagna di Ulisse, la quale offre un titolo al nuovo singolo di Lauro: “La vita insegna ad essere insensibili con chi è sensibile”.

La scena si conclude con un cambio di posizione, Achille lascia il suo posto a Emma che prendere la sua storia, le sue debolezze e fragilità per custodirle nel suo cuore come segno di piena comprensione e di promessa affinché l’amore non permetta mai al dolore di vincere in questa difficile partita chiamata vita.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano La Rocca

Gaetano La Rocca - Ogni quadro di Achille Lauro racconta le particolarità, i tratti caratteristici, di una vita complessa che racchiude in sé ogni aspetto dell'essere umano, tra pregi e difetti di un'umanità che prova a dare il meglio di sé. La terza esibizione del suggestivo artista, condivisa con Emma Marrone e Monica Guerritore, offre la propria voce a chi pensa di averla persa tra l'indifferenza e i silenzio di una società che non lascia spazio a tutti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!