Iscriviti

Sanremo 2019: annunciati i primi duetti della serata di venerdì

Anche quest'anno la serata sanremese del venerdì vedrà i cantanti in gara rielaborare il proprio brano in duetto con un ospite. Scopriamo insieme i primi 12 duetti annunciati.

Televisione
Pubblicato il 20 gennaio 2019, alle ore 10:12

Mi piace
14
0
Sanremo 2019: annunciati i primi duetti della serata di venerdì

Manca sempre meno alla partenza della 69esima edizione del Festival di Sanremo. Si comincia il 5 febbraio con la prima serata e si va avanti fino a sabato 9. Anche quest’anno la serata del venerdì vedrà sul palco i concorrenti in gara reinterpretare il loro brano in compagnia di uno o più ospiti. Oggi sono stati comunicati i primi 12 duetti.

I vincitori della scorsa edizione, Fabrizio Moro ed Ermal Meta, torneranno sul palco separati. Il primo accompagnerà il suo pupillo Ultimo (in gara tra i big dopo la vittoria lo scorso anno nella categoria nuove proposte) mentre Meta accompagnerà Simone Cristicchi (che lo scorso anno duettò con la coppia Meta Moro). Daniele Silvestri ha invece scelto Manuel Agnelli. Scelta indie anche per gli Zen Circus che porteranno er la prima volta sul palco dell’Ariston Brunori Sas. Scelgono due esponenti del mondo rap i BoomDaBash e Mahmood, rispettivamente Rocco Hunt e Guè Pequeno.

Hanno preferito la compagnia di un attore Paola Turci e Nek che divideranno il palco rispettivamene con Beppe Fiorello e Neri Marcorè. Mix di musica e danza per Francesco Renga accompagnato da Bungaro ed Eleonora Abbagnato.

Solidarietà femminile per Loredana Bertè ed Anna Tatangelo che divideranno il palco con loe colleghe Irene Grandi e Syria. Ha scelto la compagnia di Paolo Jannacci (figlio del compianto Enzo) Enrico Nigiotti, che torna all’Ariston da big dopo l’esperienza ad X Factor 2017.

Anche il parterre di ospiti conferma la tendenza di Sanremo 2019, quella di voler rappresentare quanti più aspetti dell’attuale panorama discografico italiano (dalla musica d’autore, alle classiche presenze sanremesi senza tralasciare l’universo rap/trap che rappresenta la maggior parte dell’attuale mercato discografico). Se sarà una scelta vincente lo scopriremo tra qualche settimana, nell’attesa non possiamo che constatare il coraggio che Claudio Baglioni ha dimostrato nel comporre un cast così eterogeneo e poco scontato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giovanni Rosato

Giovanni Rosato - Qualcuna di queste collaborazioni stuzzica la mia attenzione, qualcun'altra la trovo poco interessante. Al momento possiamo solo fare ipotesi, in quanto il ruolo principale lo avranno le canzoni che ascolteremo tra un paio di settimane. Sulla carta sembrano esserci le premesse per un Festival di buon livello che possa accontentare parecchi spettatori di vario genere.

Lascia un tuo commento
Commenti
Chiara Tiozzo
Chiara Tiozzo

23 gennaio 2019 - 10:36:02

Mancano ancora i Negrita e il volo... chissà...

0
Rispondi