Iscriviti

Raoul Bova e le polemiche su Don Matteo: “Terence Hill ha dato l’ok”

L’addio di Terence Hill a Don Matteo ha sollevato non poche polemiche. La sua sostituzione con Raoul Bova per molti rimane una scelta dura da digerire, da qui lo stesso divo romano ha voluto rispondere a chi lo vede inadeguato per il ruolo.

Televisione
Pubblicato il 14 giugno 2021, alle ore 09:37

Mi piace
6
0
Raoul Bova e le polemiche su Don Matteo: “Terence Hill ha dato l’ok”

Con l’inizio delle riprese della 13esima stagione, la notizia più temuta dai fan di Don Matteo è diventata realtà: Terence Hill ha deciso di abbandonare la fiction più popolare degli ultimi 20 anni, una scelta che ha raggelato il pubblico, che al momento non accetta di buon grado la sostituzione del protagonista con Raoul Bova.

Il divo romano, fresco reduce del successo di Buongiorno Mamma, non comparirà però così di punto in bianco nella serie. Conscio della statura di una leggenda della storia del cinema – così come del resto del significato di una fiction amatissima dal pubblico – ha fatto sapere che entrerà nello show con il massimo riguardo e deferenza.

Come già annunciato nelle scorse settimane, Terence Hill comparirà però nelle prime puntate della nuova stagione, una scelta dettata dall’esigenza di far metabolizzare il passaggio di testimone nella maniera più soft possibile. Jess, il figlio di Terence Hill, ha infatti precisato che in ragione dell’età, il padre necessita di tranquillità e di più tempo da trascorrere insieme con la moglie e la famiglia

In questo contesto, l’arrivo di Raoul Bova è stato visto al pari di un sacrilegio. Chi considerava Don Matteo un’istituzione, si è ritrovato improvvisamente spiazzato. Da vera e propria macchina da guerra della televisione, l’addio della colonna portante non è stata accettata dai puristi, gli stessi che in due decenni hanno continuato ad appassionarsi alle storie del prete investigatore.

Il malcontento che ne è scaturito, si è inevitabilmente concentrato su Raoul Bova, che pur capendo l’importanza del ruolo affidato, dopo l’iniziale silenzio ha voluto rispondere alle polemiche, precisando che Terence Hill ha dato il suo benestare all’arrivo dell’attore all’interno del cast. “Io le cose le faccio con il cuore e la sincerità. Poi devo dire che è stato proprio Terence a dare l’ok per la decisione dell’attore e questo non può che rendermi felice” ha concluso cercando di smorzare le innumerevoli diatribe delle ultime settimane.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - È davvero difficile cambiare qualcosa all’interno di una fiction che nonostante gli anni, continua ad essere popolarissima. Lo schema collaudato è apprezzato dal pubblico, che se potesse scegliere, chiederebbe di andare avanti così in eterno. Ovviamente ciò non è possibile, perché come era comprensibile aspettarsi, Terence Hill ha voglia di concentrarsi sull’affetto dei cari e non è più il giovanotto atletico di un tempo. Resta solo da capire come verrà sostituito da Raoul Bova: alla produzione spetterà l’arduo compito di non deludere le grandi aspettative dei fan.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

14 giugno 2021 - 18:07:00

Quando misero il pur bravissimo Gastone Moschin al posto del povero Fernandel non è che Don Camillo andò avanti: giusto il tempo di rigirare il film dedicato ai giovani d'oggi che poi finì tutto.

0
Rispondi