Iscriviti

"Non è l’Arena", Michele Santoro ringrazia Fedez: "Ci hai fatto assaporare il profumo della libertà"

Intervistato da Massimo Giletti a "Non è l'Arena", Michele Santoro ha voluto lodare l'enorme coraggio dimostrato da Fedez durante il concerto del primo maggio.

Televisione
Pubblicato il 3 maggio 2021, alle ore 09:02

Mi piace
3
0
"Non è l’Arena", Michele Santoro ringrazia Fedez: "Ci hai fatto assaporare il profumo della libertà"

Michele Santoro è ritornato in televisione dopo due anni dal suo programma “Volare”, andato in onda su Rai 2, con “Speciale mafia, la ricerca della verità” trasmesso su LA7 e condotto insieme a Enrico Mentana, Andrea Purgatori, Carla Del Ponte, Antonio Di Pietro e Fiammetta Borsellino.

La trasmissione ha voluto parlare dei progressi fatti per scoprire il vero dietro i delitti di mafia, ove proprio Michele Santoro intervista un pentito di mafia. Nelle ultime settimane poi pubblica il libro “Nient’altro che la verità” sviluppato insieme a una chiacchierata con il killer Maurizio Avola.

La frecciata di Michele Santoro

Che ci siano delle tensioni tra il giornalista campano e l’azienda di Viale Mazzini è una cosa risaputa da ormai molti anni, confermata però dal diretto interessato in una intervista a un settimanale. Qui afferma che la Rai ormai non riesce a stare più al passo con i tempi e che attualmente gli sarebbero rimasti solamente due persone di spicco: Bianca Berlinguer e Bruno Vespa.

Come riportato testualmente dal sito “Tv Blog” Michele Santoro, intervistato da Massimo Giletti a “Non è l’Arena”, lancia delle nuove accuse alla Rai: “Ora se tu lì (riferimento ai vertici aziendali, ndr) metti persone scadenti, quelli che fanno? Mettono delle persone ancora più scadenti a dirigere le reti e quelli mettono persone ancora più scadenti – come ci ha fatto vedere ieri Fedez con il suo memorabile filmato – che devono controllare i programmi”.

Proprio sul rapper ci tiene a sottolineare: “Fedez è un buon motivo per pagare il canone Rai, io non lo pago volentieri” per poi aggiungere: “Nessun sistema può impedire che si eserciti una libertà costituzionale. Grazie, ci hai fatto assaporare di nuovo il profumo della libertà.

Successivamente lancia una frecciatina a Fabrizio Salini, l’attuale direttore di Rai 1, accusandolo di non aver fatto nulla d’importante per meritarsi una poltrona così importante. Santoro infatti ricorda di lui solamente per una breve esperienza a LA7 e in una casa di produzione, la “Stand by Me”, che ha curato la campagna per il referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 di Matteo Renzi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Non mi sono mai capacitato di come Michele Santoro non riesca ad avere una trasmissione tutta per sé. Per me lui, insieme ad altri pochi giornalisti come Sandro Ruotolo, è l'esempio di come si deve svolgere questo lavoro. E, nella sua intervista da Giletti, la sua intelligenza mi ha sorpreso ancora di più.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!