Iscriviti

Non è la Rai, rivelati retroscena aberranti: "Bambole voodoo e peli pubici"

Alcune ex ragazze di "Non è la Rai" hanno raccontato dei retroscena davvero scioccanti vissuti durante la loro partecipazione al programma ideato da Gianni Boncompagni.

Televisione
Pubblicato il 21 giugno 2022, alle ore 10:06

Mi piace
2
0
Non è la Rai, rivelati retroscena aberranti: "Bambole voodoo e peli pubici"

Ascolta questo articolo

Alcune ex ragazze di “Non è la Rai” hanno deciso di raccontare cosa accadeva a telecamere. Invidiate da moltissime ragazzine, ciò che hanno vissuto in quegli anni fanno capire quanto il mondo dorato del programma di Gianni Boncompagni diventasse un vero e proprio incubo nella vita di tutti i giorni.

Angela Di Cosimo e Eleonora Cecere sono state raggiunte dalla rivista “7” del Corriere della Sera e, così come riporta il sito Liberoquotidiano.it, hanno raccontato particolari davvero forti di situazioni vissute a causa della loro esposizione mediatica che in quegli anni aveva dato loro una popolarità impressionante.

Le ex ragazze di “Non è la Rai” raccontano forti retroscena

A parlare è la Cecere che ricorda: “Arriva una bambolina, un’altra, e un’altra. L’ultima con uno spillo in testa e un cappio al collo, insieme a un biglietto che diceva “questa sei tu”. Erano bamboline voodoo“. Erano gli anni ’90 e loro poco più che bambine quando hanno dovuto affrontare e gestire una notorietà piombata all’improvviso nel loro quotidiano. Ma, come sempre, notorietà è anche sinonimo di invidia, soprattutto per persone che per molti non meritavano di avere tutto quel ritorno mediatico.

Sempre Eleonora continua a ricordare: “Un giorno ricevo un cd, eravamo al Palatino, io, Ilaria, Angela, Pamela scendiamo in sala prove per ascoltarlo. Lo mettiamo e parte la voce di uomo che dice: ‘Eleonora, ti farò molto male“. Le fa eco l’ex compagna di avventura Angela che racconta di aver ricevuto ai tempi molti “regalini” tipo “una valigetta ventiquattrore con dentro santini e peli pubici“.

Sarebbe già stato abbastanza tutto questo, ma si sono aggiunte anche mina**e di mor*e, foto troppo spinte e lettere volgari e offensive. La Cecere era talmente spaventata da tutto questo che lei stessa ammette: “Solo a casa mi sentivo al sicuro“. Fino ad arrivare allo scontro fisico quando: “Un pomeriggio citofona una tizia che mi chiede di scendere. Io scendo, e lei dice che vuole menarmi, motivo: il fidanzato l’ha lasciata per colpa mia, si è innamorato di me dalla televisione. La verità è che tutti sapevano l’indirizzo di casa nostra, chiunque poteva venire e farci del male“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Un programma controverso, "Non è la Rai" ha fatto discutere moltissimo e spesse volte è stato criticato con l'accusa di mercificare la donna. Memorabile è stata la canzone di Vasco Rossi "Delusa" dedicata proprio a queste ragazzine, scaraventate in un mondo tutto nuovo che solo in poche hanno saputo comprendere e gestire.... forse.....

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!