Iscriviti

La storia di Gabriella, 6 anni, malata di leucemia

Aiutiamo i bambini di Taranto ad avere il reparto di Oncologia pediatrica. L'iniziativa è partita domenica 26 Febbraio durante la trasmissione de "Le Iene" nella prima serata di Italia 1.

Televisione
Pubblicato il 3 marzo 2017, alle ore 12:45

Mi piace
18
0
La storia di Gabriella, 6 anni, malata di leucemia

Ascolta questo articolo

Gabriella è solo una delle vittime dell’ILVA di Taranto. All’età di 6 anni è costretta a studiare a casa con l’aiuto di un maestro privato, perchè malata di leucemia. E’ veramente straziante ascoltare Gabriella che, a soli 6 anni, racconta come il dottore gli abbia suggerito di tagliare la sua lunga treccia perchè, a causa della chemio, stava perdendo tutti i capelli.

Gabriella però, amando Rapunzel, proprio non ne voleva sapere di tagliare la sua lunga treccia; la madre, così, si è trovata costretta a tagliarlela di nascosto mentre dormiva… Gabriella conosce tutti i termini specifici della malattia e racconta con naturalezza i pomeriggi trascorsi in ospedale insieme a tanti altri bimbi che, come lei purtroppo, sono costretti a combattere con questo brutto male; racconta della sua amica Rebecca che adesso nn c’è più in ospedale perchè ha finito i trattamenti ed è tornata a casa. Ma in realtà, la povera Rebecca non ce l’ha fatta…

Gabriella, come tutti i bambini di Taranto, per i trattamenti è costretta ad andare presso l’ospedale di Bari, a 100 km di distanza, per fare le sue cure, così le famiglie sono costrette ad affrontare oltre al dolore anche costi insostenibili.

Così i cittadini di Taranto che si sono stancati di chiedere per poi non avere nulla, si sono attivati con una raccolta fondi per autofinanziare l’assunzione di almeno un pediadra che possa operare nel reparto oncologico.

L’iniziativa prevede la messa in vendita della maglia con la scritta: Ie Jeshe pacce pe te! (Io esco pazzo per te). La maglia era stata regalata alla “Iena” Nadia Toffa, dagli amici del mini bar del quartiere Tambuti di Taranto, in un servizio precedente. La Toffa, infatti, si era occupata già in passato delle storie dei numerosi bambini malati di Taranto.

Visto l’enorme successo che la maglia ha riscontrato, tutti possiamo averla facendo una donazione di minimo 15 euro; ecco le indicazioni per procedere:

  • Beneficiario: Associazione Arcobaleno nel cuore
  • IBAN: IT45X0100515800000000005537
  • Causale: Liberalità in favore dei bambini di Taranto

Per chi non avesse la disponibilità di donare 15 euro, può comunque contribuire con qualsiasi somma utilizzando la stesse modalità, qualsiasi offerta – naturalmente – è ben accetta.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonella Casto

Antonella Casto - Il programma "Le Iene" mi piace tantissimo, è un programma di denuncia e di informazione... Per quanto riguarda la storia raccontata, è veramente straziante ascoltare le parole delle madri di questi bambini che sono costrette a vederli soffrire tremendamente e allo stesso tempo devono dimostrarsi forti davanti a loro... nascondendosi per non far vedere loro le lacrime... Parlano del grande desiderio di scappare da quella terra tanto amata ma allo stesso tempo odiata, del desiderio di vedere i propri figli crescere e diventare adulti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.