Iscriviti

Il Terzo Indizio, prima puntata dedicata all’omicidio di Sara Di Pietrantonio

Terzo indizio, nella sua prima puntata di quest'anno si occupa del caso dell'omicidio da parte della guardia giurata ai danni della giovane fidanzata Sara. Lui dice : " non merito la pace,sono un mostro."

Televisione
Pubblicato il 9 maggio 2018, alle ore 17:16

Mi piace
19
0
Il Terzo Indizio, prima puntata dedicata all’omicidio di Sara Di Pietrantonio

Esattamente nello stesso giorno in cui è attesa la sentenza di appello per Vincenzo Paduano, assassino della giovane Sara Di Pietrantonio, torna su rete quattro “Il terzo indizio” , la docu fiction condotta da Barbara De Rossi da anni impegnata nella lotta per aiutare le vittime di stalking e abusi.

Il programma mostra il percorso oscuro nascosto dietro i casi di femminicidio che hanno segnato le pagine di cronaca nera. L’intento è quello di aiutare le donne a capire i meccanismi perversi, a far cogliere loro degli attimi, dei momenti di copioni sempre tristemente uguali.  In ogni puntata, viene raccontato non solo il fatto di cronaca, ma anche tutto l’iter processuale successivo ricostruendo tutte le fasi della vicenda giudiziaria in questione attraverso documenti, testimonianze e interviste. Girato sui luoghi dove sono avvenuti i fatti in ultra HD con l’aiuto di droni e strumentazioni all’avanguardia nonchè di attori professionisti.

Apre con un caso che ha turbato le coscienze per la violenza contro una ragazza piena di sogni e per il cui il brutale assassino, oggi era attesa la sentenza d’appello poi rinviata a giovedì.

Aveva 22 anni quando è stata uccisa dall’ex fidanzato. Sara, chiamata Sissi perchè le amiche dicevano somigliasse ad una principessa, aveva tanti sogni, in primis la danza, sua grande passione.

Tanti sogni spezzati brutalmente da un fidanzato violento e geloso che una notte di maggio le tolse la vita in una strada deserta della Magliana strangolandola e dandole fuoco. 

Sara a Vincenzo cantava “Tu non sarai mai solo” e lo amava con la spensieratezza tipica di quell’età ma lui ne voleva il possesso completo. Voleva controllarla in tutto e per tutto. Addirittura nelle emozioni. Prova ad interrompere la sua relazione Sara e riprende a volteggiare, con leggerezza, nella sua danza ma questo non impedisce a Vincenzo di continuare a stalkerizzarla fino al tragico epilogo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Maria Guerricchio

Maria Guerricchio - Amori malati nei quali, a volte, noi donne ci ostiniamo a voler diventare crocerossine convinte che tutto possa sistemarsi. Così non è perché c'è gente violenta che avrebbe bisogno solo di cure profonde. Purtroppo è ormai cronaca di ogni giorno e pare che tutte queste trasmissioni non siano mai abbastanza per aprire gli occhi e imparare a difendersi, allontanandosi e denunciando, prima che sia troppo tardi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!