Iscriviti
Milano

Guai in vista per Barbara D’Urso: denunciati per una grave bufala i giornalisti di Pomeriggio 5

Lo scorso maggio avevano dato ampia credibilità ad un post scritto su Facebook all'indomani dell'attentato a Manchester durante il concerto di Ariana Grande. La bufala ha prodotto delle terribili conseguenze.

Televisione
Pubblicato il 11 gennaio 2018, alle ore 12:45

Mi piace
8
0
Guai in vista per Barbara D’Urso: denunciati per una grave bufala i giornalisti di Pomeriggio 5

Quattro giornalisti di Pomeriggio Cinque sono stati denunciati per una notizia riportata lo scorso maggio: la messa in onda del servizio ha messo in grave pericolo la vita di alcune persone e procurato ingenti danni. Un post su Facebook era stato ripreso come vangelo dai giornalisti Mediaset: sul social un cittadino di Pioltello, comune in provincia di Milano, denunciò che, in un bar gestito e frequentato da marocchini, subito dopo la notizia dell’attentato a Manchester durante il concerto di Ariana Grande, vi erano stati festeggiamenti.

Durante Mattino 5 il giornalista Carmelo Abbate, ospite in studio, affermò di essere stato contattato da cittadini di Pioltello e di essere stato informato che la sera precedente in un bar di Pioltello, verso le 11, alcune persone gioivano e brindavano dopo l’attentato di Manchester.

Abbate non disse il nome del bar in questione dicendo che lo avrebbe confessato solamente ai carabinieri del Comune al termine della puntata: “Chiederò di accertarsi se c’era in corso una festa di compleanno ed eventualmente quale compleanno si festeggiava, visto che mi dicono che è un ritrovo di spacciatori extracomunitari ed eventualmente di sapere qual è la quotidianità di queste persone”.

La psicosi generale nel paese crebbe in modo esponenziale tanto che il bar venne, in seguito, incendiato. Armati di telecamere e microfoni i reporter erano andati sul posto per raccontare una storia inventata intervistando testimoni inesistenti. Occorre ricordare che i i carabinieri avevano accertato che la sera del 22 maggio al Marrakech bar non era accaduto assolutamente nulla di quanto riportato.

Il pm Giovanni Polizzi ha notificato l’atto di conclusione dell’indagine a Carmelo Abbate, giornalista MediasetFrancesco De Luca, suo collega, Francesco Vecchi, conduttore della trasmissione, Sandro Damiano, il cittadino che aveva postato la falsa notizia e Rosanna Ragusa, responsabile della testata Videonews. I primi quattro sono stati accusati di diffamazione aggravata per avere offeso la reputazione del Lounge bar Marrakech, riferendo falsità. La Ragusa dovrà rispondere di omesso controllo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Lanzini

Chiara Lanzini - Ricordo bene la puntata in questione e le parole di Abbate certo che quella notizia rilanciata su Facebook fosse verità: una bomba lanciata all'indomani di una tragedia, volta ad aizzare i facinorosi che, di lì a poco, incendiarono il bar. I giornalisti in questione fanno anche parte della testata giornalisti di Pomeriggio 5. Niente da aggiungere.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!