Iscriviti

"C’è posta per te" la storia di Michelina, il figlio Fabrizio succube della moglie Ilaria scatena il web: "Vergognosi!"

La storia di Michelina a "C'è posta è per te" ha surriscaldato gli animi. Il comportamento del figlio Fabrizio e della nuora Ilaria ha scatenato il web, il pubblico è furioso per il loro comportamento.

Televisione
Pubblicato il 22 gennaio 2018, alle ore 09:28

Mi piace
8
0
"C’è posta per te" la storia di Michelina, il figlio Fabrizio succube della moglie Ilaria scatena il web: "Vergognosi!"

Nella seconda puntata di “C’è Posta per te” Maria De Filippi ha illustrato agli spettatori un campionario maschile decisamente desolante, dall’uomo di un tempo, tutto di un pezzo, all’uomo succube ameba della moglie: quest’ultimo individuo è coprotragonista della storia che ha scatenato il web

Michelina è la madre di Fabrizio e Raffaello, la nuora Ilaria, moglie del primo, ha interrotto i rapporti con la famiglia d’origine del marito 2 anni fa, dopo una serie di incomprensioni per motivi economici, per parole dette, o non dette, perché, rimasta incinta a 19 anni, non ha ricevuto, immediatamente, l’esultanza della suocera. Il marito ha seguito la sua volontà, estromettendo la madre e il fratello dalla sua vita.

Michelina ha scritto a “C’è posta per te” nel tentativo di riallacciare i rapporti con il figlio e la nuora, per rivedere i nipoti: la donna aveva cercato in ogni modo un confronto, era andata sotto casa, aveva provato a contattarli telefonicamente fino a quando lo coppia aveva traslocato, non rilasciando neppure un recapito a Raffaello.

Ilaria scuoteva la testa dinnanzi alle scuse e ai tentativi di Michelina di gettare alle ortiche il passato e riprendere un dialogo, fino a sbottare affermando: “Il primo figlio l’abbiamo voluto. A te abbiamo detto che era capitato ma non era vero. Non chiedete mai dei nipoti. Raffaello tu sei succube di tua madre”. La De Filippi ha dovuto ricordare che, all’epoca dei fatti, erano disoccupati e vivevano con i 400 euro al mese di Michelina, bracciante nei campi dalle 3 mattina alle 17 del pomeriggio.

Fabrizio, una specie di automa, è rimasto impassibile dinnanzi ai battibecchi avvenuti in studio fra suocera e nuora, ha risposto di non aver più visto la madre perché le pressioni lo innervosivano e giunto a casa arriva a litigare con la moglie – che comunque lo sottoponeva ad un terzo grado – . “È assurdo che un uomo debba fare una scelta tra la mamma e la moglie” ha sottolineato Maria che ha preso ad incalzare chiedendo alla coppia se veramente erano intenzionati a proseguire in tal modo.

Michelina mi urta proprio. Continuo così e ho già detto a mio marito di ammazzarmi se divento come lei” ha affermato mefistofelica la nuoraMaria ha cercato di far comprendere che non è giusto, la nonna non ha mai visto la loro secondogenita, non ha neppure una sua foto: “Non le avete dato nemmeno una foto della nipote. Ha dei diritti come nonna. Se le cose non vanno mi richiami, Fabrizio senza di te non apre la busta” Raffaello ha sentenziato lapidario: “E il succube sarei io”. Michelina si è scusata nuovamente per i frantendimenti, affermando che lei non ha sparlato, chiedendo venia, comunque, per l’accaduto: ha fatto appello a suo figlio Fabrizio, ma niente.

La busta si è chiusa davanti ad una Maria decisamente disgustata, con Fabrizio che sussurrava di non sentirsela, doveva decidere quando rivederla. Il pubblico è stato molto critico con Ilaria decisamente indignato riguardo alla questione della gravidanza voluta, malgrado le notevoli ristrettezze economiche. Subito dopo la messa in onda del programma sul profilo di Ilaria è apparso un post: “Non ti perdono nemmeno se vai a C’è posta per te” con faccione sorridente. 

Le parole volate in studio hanno colpito il pubblico in studio e a casa incapace di comprendere come un figlio possa arrivare a comportarsi in questo modo: in molti hanno definito Ilaria vergognosa, perchè non si può precludere a dei nipoti l’affetto di una nonna. “Mio figlio era voluto… Senza lavoro… A casa di mamma…sulle spalle di mamma e voi pensate a fare un bambino! Complimenti!” ha tuonato un internauta.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Lanzini

Chiara Lanzini - Una storia decisamente comune: un uomo senza attributi prima succube della madre poi della moglie che decide cosa deve, o non deve, fare nella vita. Provo dispiacere per quei bimbi che cresceranno senza una nonna e con quel genere di madre arrogante che si è definita solo ricca di lati positivi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!