Iscriviti

Cartabianca, Iva Zanicchi ammette di non sentire Berlusconi da 4 anni: “Non sono come Mike Bongiorno”

Ospite del programma Cartabianca, Iva Zanicchi ha confessato di non sentire Silvio Berlusconi da quattro anni. Aggiunge però che la cosa non le interessa, in quanto si ritiene diversa da Mike Bongiorno. Vediamo perché.

Televisione
Pubblicato il 13 giugno 2018, alle ore 09:40

Mi piace
13
0

Iva Zanicchi, ospite del programma televisivo Cartabianca, ha confessato di non sentire da ben quattro anni l’ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi. L’Aquila di Ligonchio ha fatto presente che i rapporti con il Cavaliere si sono interrotti già da diverso tempo.

Berlusconi? Sono esattamente quattro anni che non lo sento. Va detto che non l’ho neanche cercato – ha voluto precisare la cantante – Presidente, non ti ho cercato, ma nemmeno tu mi hai cercato! Non importa!”. La 78enne interprete di brani evergreen come L’arca di Noè e la Zingara,  per anni è stata legata alla figura di Silvio Berlusconi. Il fondatore delle reti Mediaset la chiamò negli anni ’80 a condurre un programma di successo come Ok il prezzo è giusto, fino a quel momento affidato a Gigi Sabani.

Grazie a lei il game show divenne uno dei quiz più longevi della televisione italiana. Ma la collaborazione sfociò anche nell’ingresso in politica della cantante. A tal proposito Iva Zanicchi arrivò anche ad assumere la carica di eurodeputata tra le fila di Forza Italia e del Popolo della Libertà.

A fronte di questo passato comune, la tre volte vincitrice del Festival di Sanremo si sarebbe probabilmente immaginata un trattamento differente. La sua fedeltà all’imprenditore e politico di Arcore si è a lungo dimostrata inossidabile. In molti ricorderanno anche la partecipazione della conduttrice a L’infedele: in quella circostanza il Cavaliere chiamò furibondo in diretta, intimando la Zanicchi di abbandonare il programma condotto da Gad Lerner, per l’occasione definito un “postribolo televisivo”.

Senza polemizzare, l’artista confessa che questo congelamento dei rapporti ormai non le interessa. Non se la prende così come era invece solito fare Mike Bongiorno, uno che su alcuni aspetti del vivere comune si dimostrava decisamente molto più permaloso. “Non sono come Mike Bongiorno. Il povero Mike si lamentava: ‘non mi ha fatto gli auguri a Natale!’ Io non mi preoccupo affatto”.

Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Nonostante tutto quello che possa dire, Iva Zanicchi è palesemente amareggiata per quanto venutosi a creare. Evidentemente riteneva che la sua fedeltà al Cavaliere potesse essere ricambiata in altro modo. Chissà a questo punto cosa abbia spinto Silvio Berlusconi a trascurare la loro collaborazione. Forse ha ragione lei, doveva farsi sentire di più e lamentarsi, anche perché chi tace acconsente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!