Iscriviti

Carlo Conti contrario alla versione kids di Tale e Quale Show

Sono arrivate le dichiarazioni del presentatore toscano che ha escluso la possibile di condurre una versione kids della trasmissione e ne ha spiegato i motivi.

Televisione
Pubblicato il 5 ottobre 2019, alle ore 08:58

Mi piace
5
0
Carlo Conti contrario alla versione kids di Tale e Quale Show

Carlo Conti ha concesso un’intervista al settimanale Vero, dove ha parlato dei suoi progetti lavorativi, parlando del successo ottenuto con la trasmissione “Tale e Quale Show” che da sei anni va in onda su Rai Uno.

Il programma ha dalla sua parte la capacità di mantenere un trend di ascolti importante e, visto il successo di Tale e Quale Show, gli è stata posta una domanda sula possibilità di presentarne una versione nip.Tale ipotesi, però, è stata smentita in partenza dal presentatore toscano che non si è detto intenzionato a fare una versione con la partecipazione di bambini e ha svelato i motivi di questa scelta.

Il conduttore ha rifiutato categoricamente la possibilità di creare una versione “kids” di Tale e Quale Show. La domanda fa riferimento alla versione creata in Spagna e capace di ottenere un seguito rilevante, ma Conti non vuole fare la stessa cosa in Italia.

Il pensiero di Carlo Conti sul prossimo Festival di Sanremo

Nel corso della chiacchierata con il settimanale Vero, Carlo Conti ha parlato anche della decisione di affidare la prossima edizione del “Festival Di Sanremo 2020” ad Amadeus. Il conduttore si è detto contento per questa scelta e il parere di Carlo Conti è importante, in quanto vanta dei record di rilievo per quanto riguarda il Festival Della Canzone Italiana. Queste sono le parole, con le quali il presentatore ha voluto motivare la decisione di non fare una versione kids: “Non farei mai una versione con i bambini di questo programma”.

Durante l’intervista a Vero, il conduttore si è detto contrario a ciò che succede all’estero e ha sottolineato: “Lo dico da uomo di televisione e da padre, mi piacciono i bambini che fanno i bambini”. Ha continuato dicendo che si tratta di uno dei motivi per i quali ha un parere differente riguardo alla conduzione de “Lo Zecchino D’Oro”.

Queste dichiarazioni dimostrano che Carlo Conti è disponibile per un’edizione di un programma che possa essere considerato nip. Carlo Conti ha commentato la scelta della Rai di affidare il Festival Di Sanremo ad Amadeus, esprimendo il suo entusiasmo per la nuova avventura del collega che al momento è al timone de “I Soliti Ignoti”.

Il presentatore si è voluto complimentare con Amadeus, dicendosi contento per la scelta di questo direttore artistico: “Sono felice che il Festival sia stato affidato a lui”. Conti ha ricordato che ha in comune con Amadeus la tanta gavetta e la prima tappa è stata la radio, svelando che hanno in comune l’amore per la musica. Il padrone di casa de “L’Eredità” ha concluso il suo pensiero su Amadeus in questi termini: “Farà bene, ne sono certo, e si divertirà”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano Perrotta

Gaetano Perrotta - Carlo Conti ha perfettamente ragione a rifiutare una simile ipotesi, già fatta in Spagna, e poi ci sono altri programmi maggiormente adatti per i bambini. Un esempio si ritrova ne "Lo Zecchino D'Oro" e non si può dimenticare l'umiltà del conduttore che ha dato un grande in bocca al lupo all'amico.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!