Iscriviti

Caduta Libera, Nicolò Scalfi è stato eliminato: i suoi saluti tra lacrime e emozione

Nicolò Scalfi è caduto nella botola di "Caduta Libera", questa volta non dopo il gioco finale dei 10 passi, ma dopo la sfida con un avversario che ha avuto la meglio su di lui.

Televisione
Pubblicato il 7 luglio 2019, alle ore 10:34

Mi piace
10
0
Caduta Libera, Nicolò Scalfi è stato eliminato: i suoi saluti tra lacrime e emozione

Per i fedeli spettatori di Caduta Libera, il quiz show preserale di Canale 5 condotto da Gerry Scotti, la presenza del campione Nicolò Scalfi era diventata una consuetudine. Le cose però, durante la puntata andata in onda sabato 6 luglio, sono cambiate e il giovane campione ha dovuto salutare il suo pubblico affezionato.

Nicolò è caduto nella botola, ma questa volta non per non essere riuscito a rispondere alle ultime 10 domande, ma per aver avuto la peggio contro Francesco, il ragazzo che nelle prossime puntate di “Caduta Libera” prenderà il suo posto in veste di nuovo campione.

Caduta Libera, Nicolò Scalfi saluta il pubblico tra lacrime e commozione

La domanda che ha decretato il suo addio è stata sull’opera d’arte esistente più cara al mondo: Nicolò non ha risposto il “Coniglietto” di Jeff Koons. Nel momento dei saluti non sono mancate le lacrime di Nicolò che, però, ha precisato essere lacrime di gioia per aver potuto vivere un’esperienza tanto bella: “E’ stato bellissimo, ringrazio la produzione, tutti, ma te in particolare (rivolgendosi a Gerry). Non posso che essere grato a tutti voi. Complimenti a tutti gli sfidanti e in particolare a Francesco“.

Anche Gerry Scotti non ha nascosto la sua emozione in questo momento che tutti ormai si aspettavano, ma che ha creato un momento di tristezza per l’affetto che si era creato intorno Nicolò, un ragazzo educato e discreto: “Sono emozionato anch’io come spesso accade, è un momento che non avrei mai voluto celebrare, ma è la regola: “The show must go on”“, ha sentenziato il conduttore che, però, ha voluto tranquillizzare il pubblico rivelando che l’ex campione sarà senza dubbio richiamato nei prossimi mesi nei tornei tra i migliori: “L’ho avuto qua per tre mesi, come un figlio, è dura anche per me. Ne ho visti tanti di campioni, ma questo ragazzo di 20 anni è uno dei più grandi che io abbia mai conosciuto nella mia carriera di presentatore”, continua Scotti, orgoglioso di aver avuto nel suo programma un campione che è rimasto lo stesso ragazzo che abbiamo conosciuto nella prima puntata.

Nicolò ha partecipato a “Caduta Libera” per ben 88 puntate e ha difeso lo scettro di campione per 87 volte. Questi numeri da record gli hanno permesso di portare a casa l’onorevole cifra di 651.000 euro. In tutta la sua permanenza nel programma ha fatto cadere nella botola più di 500 concorrenti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Mancherà senza dubbio Nicolò Scalfi su Canale 5 tutte le sere in centro studio a Caduta Libera. Anche per me era diventata una presenza fissa, un po' come Gerry Scotti. 88 puntate sono davvero tante e, forse, il ragazzo era ormai appagato da questa esperienza e, seppur gli sarà dispiaciuto molto, avrà un ricordo bellissimo senza rimorsi né rimpianti.

Lascia un tuo commento
Commenti
Tanya Leuci
Tanya Leuci

07 luglio 2019 - 13:22:41

Ammetto di essermi leggermente commossa anche io, molti lo etichettano come antipatico e altezzoso, io non lo vedo affatto cosi. Bravo Nicolò!

0
Rispondi