Iscriviti

90 Special, Paolo Bonolis rivela: "Sono stati anni tristi, ho anche fregato 10mila lire a Pippo Baudo"

Nella seconda puntata di "90 Special" tanti ospiti tra i quali Paolo Bonolis che, con la sua solita verve, è riuscito a divertire il pubblico con una versione tutta sua degli anni '90.

Televisione
Pubblicato il 26 gennaio 2018, alle ore 10:52

Mi piace
5
0
90 Special, Paolo Bonolis rivela: "Sono stati anni tristi, ho anche fregato 10mila lire a Pippo Baudo"

E’ andata in onda la seconda puntata di “90 Special“, il programma di Nicola Savino che promette di ripercorrere gli anni compresi tra la caduta del muro di Berlino e l’entrata in vigore dell’euro. Vengono ricordati grazie ai programmi e ai personaggi televisivi che hanno segnato di più quell’epoca, e proprio per questa ragione, non poteva mancare Paolo Bonolis.

Il noto conduttore ha esordito con un “Sono stati anni difficili e tristi“, confessando che quel periodo è stato testimone di esperienze delle quali non va fiero: “Non ho avuto più freni di coscienza, freni inibitori“. Insomma sembra proprio un outing in piena regola, ma appena Bonolis inizia a scendere nel particolare, ecco uscire tutta la sua solita ironia, una sorta di umorismo inglese che riesce a strappare sempre un sorriso.

Ammette che negli anni ’90 ha stalkerizzato una donna, per diversi anni, e il peggio dice, viene dopo, avendola poi sposata: Sonia Brunagelli, l’attuale moglie di Bonolis. A livello sperimentare, dichiara, che siano succese le cose peggiori in assoluto: “Noi abbiamo iniziato degli esperimenti, in chiave televisiva, purtroppo quell’esperimento brutto, brutto non lo abbiamo chiuso, l’abbiamo continuato: Laurenti!“.

Ha confidato di aver sofferto di sudorazione accessiva, ma la cosa che davvero lo ha schoccato è stata l’aver comprato la maglia della Juventus! Savino gli chiede di che giocatore e lui fa il nome di Ceccarini, allora il conduttore gli fa notare che si trattava dell’arbitro e Paolo subito aggiunge: “Appunto era della Juve!“.

Ma la confessione più faticosa che ha dovuto fare, è stata quella di dover ammettere che ha rubato 10 mila lire a Pippo Baudo, e l’aggravante del caso è che quella cifra Baudo la doveva restituire a sua volta alla Ricciarelli. Dopodiché si passa alla politica, Berlusconi gli offre la possibilità di diventare portavoce di Forza Italia, e Paolo risponde: “A Presidente, io manco l’ho votata a lei, come faccio a fare il portavoce di Forza Italia“.

Arriva anche un momento di commozione, quando ricorda gli anni di “Bim Bum Bam” e il pupazzo Uan, al cui prestava la voce Giancarlo Muratori, con il quale Paolo Bonolis aveva un grande affiatamento. Si conclude l’intervento di Bonolis con la messa in onda delle tre telefonate più divertenti di del programma preserale “Tira e Molla“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Paolo Bonolis riesce a interloquire con il pubblico come nessun altro conduttore riesce a fare. Ha una maestria nell'improvvisare battute e cogliere il lato divertente di ogni suoi concorrente, senza mai diventare offensivo o volgare: e proprio in questo sta la sua grande intelligenza. E' un vero spasso assistere alle sue trasmissioni!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!