Iscriviti

WhatsApp: in arrivo le pubblicità in chat?

WhatsApp, nel giro di poco tempo, potrebbe introdurre le pubblicità in chat o nelle storie. Il tutto per avere dei guadagni, dopo 9 anni di attività e dopo 6 anni di acquisizione da parte di Zuckerberg.

Software e App
Pubblicato il 28 settembre 2018, alle ore 19:35

Mi piace
3
0
WhatsApp: in arrivo le pubblicità in chat?

In una recente intervista fatta al co-fondatore di WhatsApp, Brian Acton, sono state svelate alcune cose abbastanza interessanti sul futuro dell’applicazione e sull’arrivo della pubblicità in essa. I più veterani del software ricorderanno che WhatsApp, i primi tempi, è stata a pagamento proprio per il fatto che non ci fosse la pubblicità al suo interno. Oggi, però, essendo gratuita e senza pubblicità, non dà un guadagno vero e proprio all’azienda.

È praticamente ovvio che la pubblicità sia il modo migliore per monetizzare sull’app senza far spendere soldi agli utenti che ogni giorno scambiano messaggi, foto, video e note vocali.

WhatsApp e le pubblicità: cosa succederà?

Alla base dell’abbandono di uno dei co-fondatori, c’era proprio la divergenza di pensieri nella gestione della monetizzazione dell’app. Quando è stato lanciato WhatsApp, nel 2009, il motto in inglese era: “No ads, no games, no gimmicks”. Nel momento che Facebook acquisì WhatsApp, nel 2012, i fondatori non si erano resi ancora conto che l’app era già pronta per supportare la connessione tra i due social network e registrare i dati per fornire annunci pubblicitari mirati.

In 18 mesi, WhatsApp ha modificato i termini di contratto, in modo che gli utenti accettassero la condivisione dei dati e in risposta ha ricevuto una multa da 122 milioni di dollari da parte della Commissione Europea. Tra le nuove modalità di pagamento possibili ci potrebbe essere la comparsa di pubblicità durante la visualizzazione delle Storie. Addirittura, c’era una clausola che svincolava dalle quotazioni azionarie i co-fondatori, qualora Facebook modificasse i termini delle condizioni. Ciò è successo, ed ecco che alcuni hanno abbandonato la “barca”.

Ovviamente, come segnalavano molti utenti, non è che gli sviluppatori investano milioni in un’applicazione per sempre. Se si investe è perché si vorrebbe un utile, preferibilmente con un ottimo margine di guadagno. Quindi, nonostante non ci siano delle ufficialità, nel giro di poco potremmo vedere i primi annunci pubblicitari nell’applicazione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Conoscendo Zuckerberg, non fa niente per niente. Già è tanto che ancora oggi non ci sono ancora gli ADV, o i video spot. Ad un certo punto, arriverà quel fatidico aggiornamento che andrà ad appesantire l'app e la sua fluidità: sarà quello il giorno in cui tutti passeranno a Telegram?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!