Iscriviti

Twitter si aggiorna per la nuova privacy europea, Instagram – in più – introduce l’upload multiplo nelle Storie

Twitter e Instagram hanno già messo a regime alcune novità per adeguarsi alle nuove normative europee in tema di privacy e riservatezza dei dati personali: in più, la piattaforma di foto sharing del gruppo Facebook ha innovato anche le Storie.

Software e App
Pubblicato il 25 aprile 2018, alle ore 11:13

Mi piace
11
0
Twitter si aggiorna per la nuova privacy europea, Instagram – in più – introduce l’upload multiplo nelle Storie

Twitter ha iniziato ad aggiornare la sua piattaforma, compreso Periscope, ai nuovi dettami della privacy europea, che entreranno in vigore il 25 Maggio. Nel frattempo, anche Instagram fa lo stesso ma, in aggiunta, introduce anche una funzionalità di tipo creativo, ovviamente a vantaggio delle “sue” Storie

Twitter: adeguamento alla privacy europea

Twitter, nelle scorse ore, ha annunciato una serie di misure volte ad adeguarne la piattaforma all’introduzione, il 25 Maggio, del General Data Protection Regulation europeo. In particolare, agli utenti di tutto il mondo, a partire da quel giorno, al primo accesso, verranno prospettati – per una rinnovata accettazione – le nuove Politiche sulla Privacy e i Termini e Condizioni, resi più dettagliati, chiari, e semplici. Inoltre, gli iscritti potranno visionare le informazioni che il portale ha su di loro, potendo scegliere, step by step, di condividerle o di renderle private: sarà anche possibile aggiornare o rivedere le impostazioni che presiedono alla gestione dei propri dati sensibili. 

In merito a Periscope, la piattaforma integrata per i live streaming, proprio come in corso d’opera nelle medesime ore per WhatsApp, Twitter ha comunicato l’elevazione dell’età minima – per l’uso dello strumento – da 13 a 16 anni. Il provvedimento, a quanto pare, coinvolgerà solo i cittadini dell’Unione Europea. 

Instagram: più privacy, ma anche novità per le Storie

Anche Instagram si adegua al GDPR europeo e, allo scopo, ha annunciato un nuovo strumento, per ora disponibile solo da web, ma in arrivo anche su Android e iOS, che consente il download di tutto quello che si è condiviso tramite il proprio account: accedendo alla sezione “Download dei dati” (instagram.com/download/request/), si potrà richiedere un backup contenente ricerche e impostazioni, commenti e messaggi scambiati, ma anche foto/video/Storie (dal Dicembre 2017) con tanto di didascalie annesse. Effettuata la richiesta, dopo massimo 48 ore (necessarie per radunare il materiale in questione), nella mail associata all’account arriverà un link per effettuare il download dei dati personali in oggetto. 

Su Android, infine, hanno già fatto il loro esordio (in anticipo rispetto a iOS) alcune nuove funzionalità a beneficio delle Storie di Instagram. Nello specifico, il formato in questione può beneficiare di un nuovo uploader che permette di caricare simultaneamente (nell’ordine di selezione) sino a 10 foto o video: gli elementi in questione, una volta selezionati tramite un’apposita icona, entrando nella schermata di modifica, potranno essere arricchiti di filtri, maschere, stickers e scritte, prima del caricamento definitivo. Instagram, infine, è consapevole che si possa voler caricare – nelle Storie – anche foto o video acquisiti giorni prima ma dei quali non ci si ricorda il luogo della realizzazione: per tale motivo, ha introdotto un sistema di geolocalizzazione automatica di tali elementi. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Instagram, in effetti, aveva accennato a un sistema per scaricare i propri dati personali, ed è stata di parola: certo, sarebbe bello anche poter scaricare i post che si decide di salvare, senza dover ricorrere ad app di terze parti o a versioni moddate dell'applicazione standard. Le novità relative alle Storie sicuramente offriranno maggior possibilità espressive agli autori di contenuti, tuttavia la geolocalizzazione automatica dei vecchi elementi presenti nella galleria del telefono sarebbe stata da evitare, per una questione di riservatezza. Twitter, in tema di novità, adegua la sua struttura alle normative europee, all'insegna di una maggior chiarezza e ricchezza di dettagli.

Lascia un tuo commento
Commenti
Janaina Ventura
Janaina Ventura

25 aprile 2018 - 14:22:02

Ottimo! Finalmente viene fuora tutte le realtà.

0
Rispondi