Iscriviti

Squid, l’aggregatore di notizie con commenti e condivisioni creative

Gli app store, sia per Android che per iOS, sono pieni di aggregatori di notizie che, però, si somigliano un po' tutti. Differisce dalla massa Squid, gratuito, che usa anche i blog come fonti, e che permette di annotare e commentare gli articoli da condividere

Software e App
Pubblicato il 6 gennaio 2017, alle ore 19:08

Mi piace
8
1
Squid, l’aggregatore di notizie con commenti e condivisioni creative

Gli app store attuali, sia per Android che per iOS, certo non difettano di aggregatori di notizie che, però, hanno il difetto di somigliarsi tutti, per impostazioni, funzionalità, e grafica: tanto, che si potrebbe tranquillamente passare dall’uno all’altro senza particolari difficoltà d’ambientamento. Da oggi, però, è disponibile anche “Squid” che, invece, punta a differenziarsi dal mucchio sotto vari punti di vista.

Innanzitutto, Squid è un’applicazione multipiattaforma, gratuita per Android e iOS, che non richiede né la registrazione, né eccessive autorizzazioni sul device che la ospita: a parte l’accesso a file, foto, e multimedia, non serve altro.

Una volta installata, poi, Squid colpisce già per la varietà delle sue personalizzazioni possibili: appena avviata l’app, infatti, viene subito chiesto di impostare una o più categorie di proprio interesse, tra quelle disponibili (lifestyle, calcio, giochi, salute, gastronomia, politica, mondo, tecnologia, cultura, viaggi, economia, cinema e tv, etc): si può partire da un minimo di una, ed aggiungerne altre in seguito (attraverso il “+” in alto a destra), oppure se ne possono abilitare molte sin dall’inizio, decidendo in seguito di sospenderne o eliminarne qualcheduna. 

Terminata questa configurazione, si avranno tante schede orizzontali a disposizione, una per ogni categoria d’interesse scelta. All’interno di queste, scorreranno – con il flusso tipico delle chat, o delle TimeLine social, le notizie più interessanti selezionate dal team dell’app tra le varie fonti abilitate: sotto quest’aspetto, Squid si differenzia per il non rivolgersi solo alle testate tradizionali, ma per il guardare anche al mondo del web attraverso l’inclusione dei siti e dei blog più interessanti

Molto interessante è anche il fatto che ogni articolo, oltre a poter essere letto, è anche commentabile in modo creativo: l’utente, infatti, potrà accludere all’articolo fruito una sua considerazione personale, a mo’ di opinione testuale, vergare il pezzo con una propria scritta (es. “sensazionale”, o “fai girare”, con caratteri colorati), o decorare il tutto con dei simpatici disegni/emoticon/stickers. Il tutto, poi, potrà esser condiviso con altri tramite molteplice canali, quali le app installate sul device, i social, o vecchi strumenti come SMS ed email.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Nonostante vi siano davvero tanti aggregatori di notizie (meno di un tempo, comunque), non è facile trovarne di veramente validi: un'app che abbia questo fine, infatti, oltre a scegliere bene le fonti, deve anche proporle in modo semplice, onde permettere di avere sott'occhio un po' tutto ciò che accade. Squid, sotto questo punto di vista, è organizzata davvero bene, in modo ordinato e semplice: il fatto, poi, che guardi anche ai blog ed ai siti come fonti, è un qualcosa di doveroso visto che, in epoca moderna, le fonti sono piuttosto "distribuite". Quanto alla possibilità di commentare, e annotare, gli articoli che - poi - verranno condivisi, direi che è una simpatica aggiunta: la classica ciliegina sulla torta!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!