Iscriviti

Google introduce diverse funzionalità all’insegna dell’e-shopping

Google, nel corso delle ultime ore, ha annunciato una serie di migliorie che vanno a confermare la sua attenzione per il mondo dell'e-shopping: Assistant utilizzerà le liste multiple di Google Express, mentre Google Immagini farà scoprire gli articoli simili.

Software e App
Pubblicato il 11 aprile 2017, alle ore 13:19

Mi piace
12
0
Google introduce diverse funzionalità all’insegna dell’e-shopping
Pubblicità

Google offre ai suoi utenti una pletora sterminata di servizi ai quali mette mano quasi ogni giorno, con piccole ed utili migliorie. Nelle scorse ore, ad esempio, Mountain View ha dato uno sprint al suo bouquet dedicato all’e-shopping, ottimizzando le liste della spesa su Assistant, e permettendo la ricerca di articoli simili direttamente da Google Immagini.

Google Assistant è l’assistente virtuale di Google, diretto rivale di Siri, Cortana, Alexa, e Bixby, destinato a sbarcare anche nel Bel Paese, entro la fine del 2017, quando saranno pienamente abilitati i comandi vocali nella nostra lingua nazionale: nel frattempo, la società del CEO Sundar Pichai ha pensato di migliorare la gestione delle liste della spesa che, su Assistant, sino a poco fa avveniva grazie a Google Keep.

L’applicativo in questione, dopo l’introduzione della feature che permetteva di prendere appunti anche a mano libera, non aveva risolto i consueti problemi che dimostrava allorché un oggetto veniva inserito o tolto dalle liste: per questo motivo, si è deciso di passare a Google Express, che – realizzato in partnership con negozi e store locali e nazionali statunitensi – permette, dal 2013, di vedersi recapitare la spesa a casa.

Il nuovo strumento, ora, consentirà a Google Assistant di gestire liste multiple, di condividerle con altri, e di mostrare i collegamenti web ai prodotti inseriti in lista (che, quindi, potranno esser acquistati sul momento). Tuttavia, non son tutte rose e fiori: Google Express, infatti, non permette di sincronizzare con Android Wear e, in questo modo, non è possibile flaggare – da smartwatch – gli oggetti acquistati. Inoltre, le nuove liste della spesa si aprono nelle schede di Google Chrome, e non all’interno dell’app in oggetto. Insomma, piccoli problemi di “gioventù” che andranno risolti.

Passando alla seconda novità, quella relativa a “Immagini”, Google ha annunciato l’introduzionenella sua ricerca per immagini – della funzionalità “Articoli simili” (“Similar Items”): in sostanza, tramite il miglioramento degli algoritmi di riconoscimento grazie all’intelligenza artificiale, sarà possibile inquadrare un oggetto e veder comparire, in un carosello in basso, delle schede ad oggetti simili o uguali, con tanto di descrizione, prezzo, e di link al negozio ove poterli acquistare.

Per ora, si parte con il supporto alle categorie degli accessori e dell’abbigliamento, per lo più di store oltreoceano, ma – nei prossimi mesi – dovrebbero essere implementate più categorie, ed apparire più store, sia europei che propriamente italiani: ad oggi, infine, la funzionalità “Articoli simili” è già arrivata sul browser mobile e sull’app di Google per Android e, entro qualche settimana, dovrebbe fare la sua comparsa anche sull’interfaccia web. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Su quanto possa impattare il ricorso a Google Express in Assistant, è difficile dirlo con certezza, visto che - dalle parti di noi utenti europei - tale maggiordomo virtuale s'è visto poco o nulla. Certo, le potenzialità ci sono tutte perché gli si possa dettare la lista della spesa, per - poi - vedersi recapitare ogni cosa sul proprio uscio di casa, con comodo. Di più immediata applicazione, invece, è la funzionalità degli articoli simili che, però, va ben supportata a livello di accordi con i vari store nazionali.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!