Iscriviti

Chrome: Google taglia il supporto per ‘moltissimi’ dispositivi Android

Secondo le ultime informazioni emerse da Google, pare che i nuovi aggiornamenti di Chrome non saranno più presenti su alcuni dispositivi Android, specie su quelli più vecchi.

Software e App
Pubblicato il 6 ottobre 2018, alle ore 14:07

Mi piace
0
0
Chrome: Google taglia il supporto per ‘moltissimi’ dispositivi Android

Chiunque possegga uno smartphone non può non essere a conoscenza delle applicazioni. Esse sono dei veri e propri programmi, appositamente progettati per essere eseguiti da un dispositivo mobile e che aiutano l’utente in diverse situazioni quotidiane. Come si dice spesso in giro, infatti, per ogni problema esiste un’applicazione pensata per la sua risoluzione. Esistono, tuttavia, alcuni requisiti da rispettare affinché la stessa sia in grado di risolvere il ‘problema’ in modo efficace.

Non tutti gli smartphone, specie quelli più vecchi, dispongono delle minime prestazioni richieste dall’applicazione e, per questo motivo, durante lo sviluppo della stessa, il team di sviluppatori deve definire la minima API supportata. Molte app richiedono almeno la presenza di Android 5.0 Lollipop ma per altre, come Chrome, era sufficiente anche una versione precedente. Quest’ultima situazione, però, potrebbe essere sulla via del cambiamento.

Secondo le ultime notizie, Chrome potrebbe richiedere una versione successiva di Android affinché i successivi aggiornamenti possano essere correttamente installati. Si parla, nella fattispecie, di un passaggio da Android 4.1 e 4.3 ad Android 4.4 KitKat. Non è dato sapere, almeno per il momento, da quando tale cambio sarà ufficialmente operativo ma, almeno per adesso, questo passaggio pare inevitabile.

Una domanda che tutti si potrebbero porre, però, è la seguente: Quanto inciderà sul mercato Android tale passo? Secondo le ultime stime, almeno relativamente parlando, non dovrebbe essere troppo rilevante. I dispositivi interessati da questo cambio di rotta dovrebbero essere all’incirca 32 milioni e, tenendo in considerazione il fatto che Android conti più un 1 bilione di installazioni attive, si tratta del 3,2% circa sul totale.

Nel caso in cui apparteneste a questa ‘ridotta’ fetta di clienti, si hanno alcune soluzioni a disposizione. Per prima cosa, è opportuno verificare la presenza di eventuali aggiornamenti di sistema che, a costo zero, vi permetteranno di usufruire dei prossimi aggiornamenti senza versare alcuna cifra. Se, invece, il vostro smartphone dovesse essere troppo vecchio, potrete decidere di acquistare un nuovo modello o, più semplicemente, di non godere degli ultimi aggiornamenti disponibili.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabio Attardo

Fabio Attardo - Il cambio di rotta che, tra un po' di tempo, compirà Google appare più che normale. Le nuove tecnologie necessitano di un hardware altrettanto nuovo, e ciò potrà essere garantito, in primis, con le versioni di Android più recenti. I dispositivi interessati, però, dovrebbero essere alquanto datati (si tratta di circa 4/5 anni fa) e, quindi, le possibilità di incorrere in questo inconveniente dovrebbero essere alquanto ridotte.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!