Iscriviti

Attenzione: noti programmi per la posta elettronica vendono i dati personali

Di recente, un'inchiesta condotta dalla rivista digitale Motherboard avrebbe appurato come dei celebri servizi e programmi per la gestione della posta elettronica, scansionata quest'ultima, venderebbero i dati personali desunti, all'insaputa degli utenti.

Software e App
Pubblicato il 11 febbraio 2020, alle ore 09:05

Mi piace
5
0
Attenzione: noti programmi per la posta elettronica vendono i dati personali

Come già dimostrato da Facebook, non esiste un prodotto davvero gratuito in quanto, se all’utente non viene richiesto del danaro per il suo uso, saranno i suoi preziosi dati la merce di scambio che si finirà per corrispondere. Ciò è emerso anche a proposito di alcuni celebri programmi di posta elettronica, scaricabili gratuitamente dal Mac App Store e dall’App Store di iOS.

Secondo un report pubblicato da Motherboard, il client email Edison, il popolare programma per la gestione delle mail, posizionato al 58° posto nella classifica delle più importanti app di produttività dello store di iOS, ove viene valutato quasi col massimo dei voti (4.6/5), tenderebbe a scansionare la posta, con la promessa di fornire indicazioni sul calo dei prezzi di un prodotto attenzionato, o per tracciare i pacchi, In realtà, come appurato da una documentazione targata JP Morgan, la scansione della posta avverrebbe per desumere, tra le altre cose, le preferenze d’acquisto e la fedeltà al marchio da parte degli utenti, all’insegna di informazioni sensibili poi vendute a terzi.

Messa alle strette, la società sviluppatrice ha ammesso la pratica trincerandosi dietro il fatto che ciò consente all’app di mantenersi gratuita e senza annunci pubblicitari, con la precisazione che la scansione della posta avverrebbe sulle mail relative all’e-commerce, posto che l’intelligenza artificiale del programma riconoscerebbe e scarterebbe le mail di lavoro e personali. In più, viene spiegato, agli utenti – invero all’oscuro della pratica – verrebbe offerta la possibilità di disattivare l’autorizzazione alla raccolta dei dati, intervenendo nelle impostazioni dell’account, all’interno della sezione “Manage Privacy“.

Simile è il caso dell’app “Slice by Rakuten“, che scansiona la posta sempre per tracciare i pacchi, ma anche per raggruppare le fatture scovate e offrire la differenza nel caso il prodotto appena comprato sia risultato disponibile a meno: ufficialmente, l’app non venderebbe dati personali, ma la redazione di Motherboard ha avuto accesso a documentazioni in cui emergono transazioni sino a 100 mila dollari pur di poter accedere a una particolare fattispecie di dati raccolti

Cleanfox“, infine, giustificherebbe la scansione della posta elettronica col proposito di offrire un sistema per cancellare lo spam e disiscriversi facilmente dalle newsletter cui si è abbonati: il problema, però, è che quanto maturato da tale analisi verrebbe anche venduto, seppur debitamente anonimizzato, a società di terze parti, tra cui figurano anche PayPal, e VTC Bolt, che di questi dati si sarebbe avvalsa per studiare la quota di mercato dei competitor.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Va detto che alcuni di questi programmi/servizi per la posta elettronica sono disponibili anche per Android e PC e, quindi, l'emergenza rendicontata in sede di articolo è quanto mai ampia e trasversale: anche perché, a quanto pare, non basterebbe prestare attenzione a quel che si autorizza, visto che non vi sarebbero quasi mai riferimenti alla vendita dei dati (ma, semmai, alla sola scansione degli stessi).

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!