Iscriviti

Attenzione: Avast vende (anche a Microsoft e Google) i dati di chi usa i propri antivirus

La giornata mondiale dedicata alla privacy è risultata fustigata da un inquietante scandalo, che ha visto coinvolta la nota security house ceca Avast, accusata di aver venduto a importanti partner i dati raccolti, via antivirus, sui propri utenti.

Software e App
Pubblicato il 28 gennaio 2020, alle ore 09:29

Mi piace
10
0
Attenzione: Avast vende (anche a Microsoft e Google) i dati di chi usa i propri antivirus

Proprio nel mentre ricorre, oggi 28 Gennaio, il Data Privacy Day, occasione sovente usata dalle security house per fornire consigli sul come tutelare i dati personali e diffondere maggiore consapevolezza su come questi ultimi vengano trattati, quasi per contrappasso, il noto sviluppatore di antivirus Avast è risultato coinvolto (nuovamente) in uno scandalo relativo alla privacy dei suoi utenti.

Era il Dicembre scorso quando l’esperto Wladimir Palant si avvide di come le estensioni per Chrome e Firefox di Avast e AVG (altra azienda di antivirus di Praga, controllata da Avast) raccogliessero e inviassero alla casa madre diverse info sulle abitudini di navigazione dell’utente (compreso come fosse arrivato a una data pagina, e se l’avesse già visitata prima). A seguito di ciò, sia Google che Mozilla rimossero gli add-on incriminati dai relativi store.

Ora, secondo un’indagine condotta dalle riviste PCMag e Motherboard in base a documenti aziendali riservati, è emerso come Avast ci sia “ricascata”, ma attraverso gli antivirus che, tra device mobili, computer e Mac, risultano installati su 435 milioni di device in tutto il pianeta. Nello specifico, si è scoperto che Avast passava alla controllata Jumpshot diversi dati, che quest’ultima provvedeva a pacchettizzare e rivendere, a suon di milioni, a interlocutori come Google, Condé Nast, Pepsi, Sephora, Microsoft (che, però, non avrebbe più contratti in essere con tale azienda), Yelp, TripAdvisor, Intuit, Loreal, Expedia, Intuit, Keurig.

Tra i dati ceduti si trovano le ricerche fatte su Maps (posizioni) e Google (siti visitati), gli oggetti comprati sul noto e-commerce Amazon, quali pagine aziendali si sia visitato sul social professionale LinkedIn, e financo la data e ora in cui sia avvenuta la visita ai siti porno, con tanto di elenco dei video consultati. Tali info sarebbero confezionate in forma anonima, sebbene si teme che – intervenendo su alcuni parametri, es. sull’identificativo che contrassegna ogni utente sinché questi non rimuove l’antivirus – sia possibile de-anonimizzarli

Sempre secondo quando risultato in sede di indagine, Avast ha proceduto – dal Luglio scorso – ad avvertire sul fatto che avrebbe passato i dati raccolti dagli antivirus a Jumpshot, per le analisi dei trend di mercato, e che tali dati – non identificativi – sarebbero potuti essere condivisi con i clienti della controllata: a quanto pare, all’insegna di un round da terminarsi entro il prossimo mese, tale avviso – che però non fa menzione di alcuna vendita – verrà proposto anche ai vecchi clienti: nel frattempo, è possibile intervenire sulla “condivisione dei dati sull’utilizzo con terze parti”, recandosi nella sezione “Privacy personale” del proprio antivirus, accedendo alle relative Impostazioni dal Menu

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Ricordo di aver usato per diversi anni sia Avast che AVG, prima di aver iniziato a consultare le classifiche sui migliori antivirus, ed essermi reindirizzato su quelli che, di anno in anno (grosso modo sono sempre gli stessi due), le vincevano quanto a precisione. Col senno di poi, ho fatto bene anche per una questione di privacy!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!