Iscriviti

Android: scovate 21 app dannose (e da rimuovere subito) dai ricercatori di Avast

I ricercatori di Avast avrebbero scoperto l'esistenza di 21 app malevoli che, tramite alcuni annunci di tipo 'HiddenAds', invogliano l'utente a scaricare un Adware. A rischio i propri dati personali, la propria posizione e molto altro.

Software e App
Pubblicato il 26 ottobre 2020, alle ore 01:46

Mi piace
2
0
Android: scovate 21 app dannose (e da rimuovere subito) dai ricercatori di Avast

La sicurezza informatica, si sa, è un aspetto della tecnologia alquanto delicato. Gli attacchi informatici sono all’ordine del giorno e, di conseguenza, bisogna sempre prestare molta attenzione a come facciamo uso della tecnologia di cui disponiamo. Capita molto spesso, ad esempio, che molte applicazioni (all’apparenza sicure) nascondano virus di ogni tipo che possono mettere a rischio i nostri dati personali. 

La maggior parte delle app disponibili negli store digitali sono sicure e non nascondono problemi di alcun tipo ma qualcuna, specie le più nuove, possono sfuggire al controllo. È il caso, ad esempio, di una nuova serie di applicazioni apparentemente sicure ma che, contrariamente a quanto si sarebbe aspettato, nascondono un malware alquanto pericoloso per i nostri dati personali. Vediamo di cosa si tratta.

Le app malevoli nascondono un malware di tipo HiddenAds

I ricercatori di Avast, come introdotto poco fa, hanno scoperto una serie di app contenenti un malware di tipo “HiddenAds”. Per chi non sapesse di cosa stessimo parlando si tratta di un virus che, mediante l’ausilio di annunci pubblicitari ‘nascosti’, vi induce a scaricare un’app ben lontana dall’essere sicura. Quest’ultima, in particolare, sarebbe un Adware in grado di catturare informazioni sensibili, la propria posizione attuale e molto altro ancora.

Le app dannose in questione sarebbero state scoperte con l’ausilio della piattaforma apklab.io, già usata in passato per scovare attacchi informatici di questo tipo. Per fortuna, per rimuovere queste applicazioni non è necessario compiere delle operazioni troppo complesse: gli annunci pubblicitari ingannevoli, infatti, scomparirebbero subito non appena l’utente disinstalla l’applicazione malevola.

Come evitare di mettere a rischio i propri dati personali?

Bisogna fare molta attenzione quando si scaricano nuove applicazioni sul proprio smartphone. Come già detto all’inizio dell’articolo, gli attacchi informatici sono all’ordine del giorno e, quindi, bisogna applicare alcune semplici regole per evitare di mettere a rischio i propri dati personali. Per esempio, consigliamo di installare applicazioni solo dagli store ufficiali e non tramite fonti esterne (ad esempio su un qualunque sito web).

Le app presenti sul Google Play Store, ad esempio, godono della protezione Google Play Protect (una certificazione che attesta l’assenza di virus all’interno dell’applicazione) che vi offre un ottimo grado di sicurezza. Fidatevi inoltre delle recensioni: se un’app non funziona come dovrebbe avrà di sicuro delle recensioni negative che vi potranno dare una mano a determinare la reale sicurezza ed affidabilità dell’applicazione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabio Attardo

Fabio Attardo - I virus informatici sono all'ordine del giorno e, di conseguenza, bisogna attuare semplici regole in grado di mantenere al sicuro i propri dati personali. Personalmente sconsiglio applicazioni poco famose oppure con una bassa valutazione: per avere numeri così poco interessanti, infatti, ci deve essere un motivo ben preciso e, magari, potremmo trovarci davanti ad una delle (poche) applicazioni sfuggite al controllo del Google Play Protect. Insomma, prestate attenzione a cosa fate con il vostro smartphone: basta poco per passare un'esperienza tutt'altro che piacevole.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

26 ottobre 2020 - 01:51:49

Le HiddenAds non sono concepite per rubare le informazioni personali: quelli sono spyware. Le HiddenAds nascondono la loro icona e mostrano pubblicità invasiva e/o sulle quali simulano click, per generare profitti agli hacker, truffando gli inserzionisti. Play Protect più che una certificazione è una sorta di antivirus del Play Store e di Android.

0
Rispondi