Iscriviti

Tour musicali rinviati a data da destinarsi: nessun rimborso in vista

Come rivelato da Clemente Zard nella sua diretta Instagram al sito "Onstage", i concerti che avrebbero dovuto svolgersi questa estate saranno rinviati a data da destinarsi.

Musica
Pubblicato il 25 aprile 2020, alle ore 09:02

Mi piace
4
0
Tour musicali rinviati a data da destinarsi: nessun rimborso in vista

Ad oggi il panorama musicale sta vivendo un periodo di grande incertezza. Proprio per questo motivo Laura Pausini, con un video pubblicato su Instagram, ha invitato al Governo un appello, ribadendo la necessità di avere risposte e per rispettare gli operai che lavorano dietro alle quinte di un concerto.

Sono numerosi gli artisti musicali, e dello spettacolo, che hanno aderito a questa iniziativa, come per esempio Ligabue e Gianna Nannini. Il Governo Conte non ha ancora dato nessuna risposta ufficiale, ma a quando pare i concerti estivi, escludendo clamorosi colpi di scena, saranno rinviati a data da destinarsi. A rivelarlo è Clemente Zard, il Managing Director di Vivo Concerti, in una sua recente intervista a “Onstage“.

Le parole di Clemente Zard

Clemente Zard rivela che il vero problema è questo silenzio degli organi governativi, poiché fino ad oggi non hanno ancora proferito parola in merito a questi concerti. Si dichiara comunque fiducioso che possa arrivare una risposta ufficiale in massimo dieci giorni, poiché così il promoter può spostare e rinviare solo in presenza di un’ordinanza.

Nonostante non sia ufficiale, Clemente Zard sottolinea, con estrema sincerità, l’impossibilità di effettuare un concerto nei prossimi mesi: “Serve realismo e avere buon senso. Non è al momento ipotizzabile fare concerti quest’estate vista l’emergenza sanitaria. Noi facciamo assembramenti quindi verosimilmente i concerti saranno spostati, i calendari sono già pronti e stiamo aspettando un’ufficialità che spero arrivi prestissimo”.

Come svelato da Zard, in molti stanno rifiutando il voucher di pari valore per richiedere un totale rimborso. Tuttavia coloro che hanno acquistato i tagliandi non possono ricevere il relativo rimborso, poiché questo avviene solamente per i concerti annullati e non vale quindi per quelli rinviati.

Infine, collegandosi ai tour estivi, rivela: “Salmo ha già parlato e stesse modalità saranno seguite anche per i concerti a San Siro e Bibione di Max Pezzali. Abbiamo varie soluzioni che comunicheremo appena possibile ma non viene annullato nulla, i concerti nella peggiore delle ipotesi si spostano”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Manca solo l'ufficialità, che in realtà ancora deve arrivare, ma ormai sembrano certo i rinvii dei concerti a data da destinarsi. Ad oggi è praticamente impossibile fare aggregazione e per luglio la situazione, salvo miracoli, non migliorerà di certo. Vedremo ora come si organizzeranno i promoter, ma per loro sarà un duro lavoro trovare nuove date.

Lascia un tuo commento
Commenti
Chiara Tiozzo
Chiara Tiozzo

26 aprile 2020 - 10:32:22

I concerti dei big si spostano e quelli dei musicisti locali e regionali nelle piazze, feste, sagre e pub che fanno?

0
Rispondi