Iscriviti

New Orleans Jazz Fest 2020, rinviato ufficialmente al prossimo autunno

L'annuale New Orleans Jazz & Heritage Festival è stato ufficialmente sposato a causa della diffusione della pandemia da Coronavirus in America.

Musica
Pubblicato il 19 marzo 2020, alle ore 00:02

Mi piace
4
0
New Orleans Jazz Fest 2020, rinviato ufficialmente al prossimo autunno

A causa del continuo diffondersi della pandemia da Coronavirus anche negli Stati Uniti D’America – nonostante qualcuno, tra politici e modelle come Kendall Jenner ed Hailey Bieber o attrici come Vanessa Hudgens, inconsciamente ancora definisce questa emergenza mondiale solo un’influenza – molti eventi sono stati cancellati o rinviati.

L’ultimo in ordine di tempo ad essere stato posticipato è l’annuale New Orleans Jazz & Heritage Festival, che si svolge ogni anno, da 50 anni, nella città di New Orleans nell’ultimo weekend di aprile e nel primo weekend di maggio, in entrambi i casi da giovedi a domenica.

Quest’anno il New Orleans Jazz & Heritage Festival si sarebbe dovuto tenere tra il 23 aprile ed il 26 aprile e tra il 30 aprile ed il 3 maggio.  Martedì 17 marzo, invece, gli organizzatori del Festival hanno annunciato che quest’anno slitterà in autunno, ma chiunque abbia già acquistato i biglietti potrà utilizzarli anche nelle nuove date, che saranno annunciate in seguito.

Una scelta sofferta da parte degli organizzatori dell’evento, in quanto il New Orleans Jazz & Heritage Festival è, insieme alla la famosa parata del Mardi Gras, il più grande introito economico della città, ma gli organizzatori hanno preferito favorire gli interessi della salute pubblica rispetto agli interessi economici.

Tra gli ospiti che si sarebbero dovuti esibire c’è la cantante statunitense Lizzo, che ha conquistato la fama mondiale grazie al suo brano “Juice”, la cantautrice Maggie Rogers, divenuta nota dopo aver cantato la sua canzone “Alaska a Pharrel Williams” durante una masterclass, il gruppo musicale alternative rock statunitense, i Foo Fighters, la cantante Stevie Nicks, il gruppo degli Honey Island Swamp Band, il cantante Jumpin’ Johnny Sansone, il gruppo dei Meschiya Lake and the Little Big Horns, Ted Hefko & the Thousandaires, Corey Ledet and His Zydeco Band, Harold Holloway & Company e molti altri artisti internazionali.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonella Cappetta

Antonella Cappetta - Credo sia stato giusto posticipare questo evento ad un momento più tranquillo rispetto a quello in cui viviamo, è meglio prevenire che dover curare; anche perché se non fermiamo al più presto il diffondersi del contagio rimarrà poco per poter curare, in quanto i sistemi sanitari andranno al collasso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!