Iscriviti

Dear Jack: “Domani è un altro film” è il primo album

I Dear Jack hanno pubblicato il loro primo album, che si trova già al primo posto nelle vendite. All'interno dell'album 8 pezzi scritti da autori importnati

Musica
Pubblicato il 28 maggio 2014, alle ore 12:35

Mi piace
0
0
Dear Jack: “Domani è un altro film” è il primo album

I Dear Jack hanno pubblicato il loro primo album dal titolo “Domani è un altro film (prima parte) con l’etichetta discografica Baraonda (Acquista subito l’album dei Dear Jack).

L’ album è in vendita dal 6 maggio ed è già al primo posto delle classifiche di vendita. Il primo singolo estratto dall’album della band, “Domani è un altro film” sta facendo il pieno di vendite e visualizzazioni su You tube, dove ha superato ben 2 milioni di visualizzazioni. All’interno dell’album sono presenti 8 brani:

  1. Domani è un altro film
  2. Ricomincio da me
  3. Irresistibile
  4. Anima Gemella
  5. Wendy
  6. Esisti solo tu
  7. La pioggia è uno stato d’animo
  8. Una lacrima

In particolare “La pioggia è uno stato d’animo” e “Una lacrima” sono stati scritti da Roberto Casalino, autore di canzoni famosissime anche di Emma Marrone, Marco Mengoni e Giusy Ferreri.

La band

Alessio Bernabei, 20 anni, è il frontman dei Dear Jack ed è di Tarquinia. Suona diversi strumenti, tra cui il basso, la chitarra, il pianoforte ed il clarinetto. Ha fatto diversi lavori, come il parrucchiere, il barista e l’idraulico, ma la sua passione è sempre stata la musica. È sempre distratto e con la testa tra le nuvole ma sa essere determinato nel perseguire i proprio sogni. Di sé dice “La mia vita gira intorno ad un sogno che è quello di vivere di musica”.

Francesco Pierozzi, 21 anni, anche lui di Tarquinia. Suona batteria e chitarra da ben 8 anni, il padre è un insegnante di musica e la madre una attuatrice. Ha un carattere molto sensibile e romantico.

Lorenzo Cantarini, 23 anni, di Montefiascone, suona la chitarra da 12 anni. È molto pigro e permaloso. Una curiosità: si vergogna dei suoi indici.

Alessandro Presti, 23 anni, Viterbo, suona il basso da ben 11 anni. È molto socievole e simpatico, ma vorrebbe essere più sicuro di sé. Ha sempre dei buoni propositi quando inizia qualcosa.

Riccardo Ruiu, 25 anni, Pescara, suona la batteria sin da quando aveva appena 5 anni. Non sopporta perdere tempo ed è molto socievole. Lavora come usciere all’Università di Pescara.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!