Iscriviti

Vernee V2 Pro: non chiamatelo (solo) rugged phone

Vernee, brand cinese ancora poco noto, mette a segno un ottimo colpo col varo del suo nuovo medio gamma Vernee V2 Pro che, pur essendo uno smartphone rugged molto autonomo, eleva di molto lo standard qualitativo della categoria di appartenenza.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 13 giugno 2018, alle ore 19:41

Mi piace
8
0
Vernee V2 Pro: non chiamatelo (solo) rugged phone

Il brand cinese Vernee, facendo seguito alle diverse iniziative di Oukitel in tema di smartphone corazzati piacevoli a vedersi e dalle buone prestazioni, ha annunciato il suo ultimo medio gamma rugged Vernee V2 Pro, da qualche ora ufficialmente in prevendita

Vernee V2 Pro ha un telaio (79.4 mm x 164.2 mm x 11.2 mm, per 259 grammi) di alluminio, potenziato nei 6 angoli con TFU, in modo da resistere anche a 2.000 cadute: l’uso di materiali dall’elevato grado militare permette di avvalersene anche in contesti di forti sbalzi termici (da -30 ° C a + 60 ° C.), mentre l’impiego di svariate guarnizioni permette di ottenere la certificazione IP68 contro le infiltrazioni di acqua e polvere: la texture presente sulla coverback, invece, evita al device di scivolare dal palmo della mano.

Più che sufficiente il segmento multimediale. Il frontale, protetto dal Gorilla Glass, propone un display LCD IPS (178°) FullHD+, da 5.99 pollici, con aspect ratio a 18:9: la fotocamera frontale è doppia, con sensori da 13+5 megapixel (e Face Unlock) mentre, sul retro, sopra lo scanner per le impronte, ed a fianco del Flash LED, troviamo il semaforo per la dual camera posteriore Sony, da 16+5 megapixel. Decisamente notevole l’autonomia, pari a 76 giorni in stand-by e 4 giorni in operatività media, grazie ad una maxi batteria da 6.200 mAh ricaricata rapidamente (del 100% in 150 minuti) tramite l’alimentatore a 9V/2A e la porta microUSB Type-C (con OTG).

Anche il segmento computazionale si mostra più che rispettabile, appunto da device di fascia media: il processore, un MediaTek Helio P23 (2 GHz) abbinato ad una GPU Mali-G71 MP2, coopera con 6 GB di RAM (LPDDR4X), e deposita i dati in uno storage d’archiviazione, espandibile via microSD di 128 GB, pari a 64 GB.

Attestate le connettività Dual nanoSIM ibrido, Wi-Fi n (dual band, display, direct, hotspot), Bluetooth 4.2 (A2DP), LTE (20 bande), GPS (dual navigator, A-GPS, Glonass), il Vernee V2 Pro non si fa mancare né il modulo NFC per i pagamenti contactless, né il cardiofrequenzimetro (in ottica fitness tracking, assieme ai sensori di distanza/gravità/geomagnetismo).

Animato da Android Oreo 8.1, con la consueta (dall’Apollo X del 2017) interfaccia proprietaria V(ernee)O(perative)S(system), il nuovo rugged middle-level di Vernee è in prevendita – sui siti degli importatori asiatici – ad un prezzo che oscilla tra 248.97 e 213.74 euro (con spedizione gratuita). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Devo dire che, da qualche tempo, sia i battery phone che gli ancor più rozzi rugged phone, stanno davvero migliorando molto nell'estetica e, ormai, non v'è più da vergognarsi a portarne un esemplare con sé: in più, mentre un tempo questi telefoni erano dei veri mattoni anche a livello prestazionale, ormai si può ben dire che le loro performance siano sempre più spesso una tacca oltre la fascia media. A quando il top gamma indistruttibile, e super autonomo?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!