Iscriviti

Telefoni rugged: al MWC 2018 la sfida tra Ulefone, Doogee, e Crosscall

All'appena conclusa fiera catalana dell'elettronica di consumo, le hardware house hanno presentato diversi telefoni corazzati idonei ad essere usati in contesti difficili, sia di lavoro che di sport outdoor: ecco le proposte di Ulefone, Doogee, e CrossCall.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 3 marzo 2018, alle ore 13:24

Mi piace
12
0
Telefoni rugged: al MWC 2018 la sfida tra Ulefone, Doogee, e Crosscall

Uno degli aspetti di cui più ci si lamenta, quando si parla degli smartphone è, oltre alla scarsa autonomia (sanata con la nascita dei battery phone), quello delle loro estrema fragilità: allo scorso MWC 2018 diversi produttori hanno esibito smartphone appartenenti alla tipologia rugged, particolarmente idonei per gli amanti dell’avventura, o per chi opera in contesti professionali difficoltosi. Ecco gli smartphone Ulefone Armor X, Doogee S60 Lite, e Crosscall Shark X3. 

Ulefone Armor X

Ulefone Armor X ha una scocca certificata IP68 contro infiltrazioni di polvere ed acqua, con frontale protetto dalla tecnologia Gorilla Glass. Sul lato sono collocati tutti i pulsanti necessari, da quello di accensione al bilanciere per il volume, passando al push-to-talk ed allo scanner per le impronte digitali. All’interno troviamo il processore quadcore MediaTek MT6739, con clock a 1.3 GHz, la scheda grafica PowerVR GE8100, le memorie (2 GB per la RAM e 16 GB espandibili via microSD per lo storage), il modulo NFC, il modem 4G/LTE (cat. 4), quello per il Wi-Fi n (dual band) e il Bluetooth 4.1, il Dual SIM puro (utilizzabile assieme alla schedina di memoria), il GPS (Glonass), il jack da 3.5 mm per le cuffie, e la batteria da 5.000 mAh, ricaricabile via microUSB e tramite la comoda wireless charge (che consente di tenere adeguatamente tappato il microUSB). 

Con un aspect ratio da 18:9 troviamo il display da 5,45 pollici con risoluzione da 1440 x 720 pixel: la fotocamera anteriore da 8 megapixel, e quella posteriore – doppia – da 13+5 megapixel con autofocus e Flash Dual LED. Il sistema operativo è Android Nougat 7.0. Per prezzo e data di vendita, occorrerà attendere ulteriori comunicazioni dall’e-commerce GearBest, che ne cura la vendita. 

Doogee S60 Lite

Oltre alla cinese Ulefone anche la connazionale Doogee ha sfruttato la kermesse catalana per ampliare la gamma di smartphone corazzati della linea S con un modello Lite, versione depotenziata del fratello maggiore S60. Il Doogee S60 Lite ha una scocca realizzata con una combinazione di alluminio aeronautico e policarbonato ad elevata densità, dotata del pulsante push-to-talk (funzione walkie-talkie), e gode della certificazione IP68 contro acqua e polvere: nei suoi 287 grammi di peso, troviamo la batteria da 5.580 mAh (ricaricabile via microUSB 2.0 anche in modo rapido a 12V@2A, o in modalità wireless) che fornisce energia al set logico costituito dal duo MediaTek MT6750, un octa core a 1.5 GHz, e dalla GPU Mali T860 MP2. La RAM ammonta a 4 GB (LPDDR4X), mentre lo spazio d’archiviazione ne dichiara 32 GB (eMMC 5.0), espandibili via microSD. 

Parte dell’energia di bordo è destinata anche all’esigente comparto multimediale. Sotto il vetro 2.5D Gorilla Glass 5 troviamo un display IPS da 5.2 pollici FullHD con aspect ratio a 16:9: la fotocamera anteriore è una Samsung con sensore CMOS BSI da 8 megapixel, mentre quella posteriore arriva a 16 (f/2.2) e, equipaggiata da messa a fuoco con rilevamento di fase, stabilizzazione ottica delle immagini, Flash Dual LED, gira video a 1080p@30fps. Le connettività sono Dual SIM, Wi-Fi n (dual band, direct, hotspot), Bluetooth 4.0 (A2DP), 4G/LTE (cat.4), GPS (A-GPS, Glonass), NFC: il jack da 3.5 mm è presente, ed opera bene in tandem con la Radio FM (con RDS). Anche in questo caso, ignoti prezzo e data distributiva, il sistema operativo previsto a bordo è Android Nougat 7.0.

Crosscall Shark X3

Del terzetto, il dispositivo più curioso è, però, appannaggio della francese Crosscall specialista in smartphone estremi. In questo caso, però, ci troviamo al cospetto di un feature phone – il Crosscall Shark X3 – che, dal punto di vista hardware, basico è dir poco, considerata la presenza di un processore MediaTek MT6276A che, per operare, abbisogna di appena 128 MB di RAM e 64 MB (espandibili via microSD a 32 GB) di storage. Per fortuna, oltre al display TFT da 2.4 pollici con risoluzione 320 x 240 pixel, non manca una fotocamera posteriore da 5 megapixel con Flash LED, ed il supporto alle reti 3G.

I veri punti di forza del Crosscall sono la resistenza, e le utilities. Nel primo ramo, il telefono regge a sbalzi termici da -10 a + 50°. ad urti e cadute, ed a immersioni in acqua (anche salata) sino a 2 metri: nel frangente in questione, accumulando aria tra display e vetro, grazie alla feature Air Capsule, riesce a tornare a galla da solo, ed a farsi notare con segnali luminosi e inviando SMS ad un top di numeri preselezionati. Per un uso outdoor, poi, giovano feature quali la torcia, la connettività Bluetooth (2.1), il GPS, la Radio FM (con jack da 3.5 mm per le cuffie), e la facoltà di emettere un fischio da 100 db. Il prezzo oscilla da 109,99 euro (listino) a 99,65 euro (Amazon). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - I primi due smartphone si somigliano molto, sia per estetica che per specifiche, e sono i classici smartphone corazzati che, volendo, possono fungere anche da telefono unico. Nel caso del Crosscall, la mancanza di funzioni smart lo relega al ruolo di telefono secondario ma, del terzetto, è - senz'altro - quello meglio attrezzato per essere usato in contesti duri nei quali l'importante è che il dispositivo non si perda, non si rompa, abbia una buona autonomia, e permetta al suo utente di farsi trovare qualora ve ne fosse bisogno.

Lascia un tuo commento
Commenti
Christian Bracaglia
Christian Bracaglia

06 marzo 2018 - 05:47:42

Esiste anche Aermoo m1, se non sbaglio uguale al Doogee

0
Rispondi