Iscriviti

Recovery Mode dello smartphone: cos’è e come farlo

Per i dispositivi Android la Recovery è uno strumento di emergenza che serve per ripristinare lo smartphone in caso di malfunzionamenti. Si consiglia sempre un backup di tutto quanto su altri dispositivi. Vediamo cos'è e come farlo

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 3 marzo 2016, alle ore 13:11

Mi piace
2
0
Recovery Mode dello smartphone: cos’è e come farlo

Cos’è la recovery mode di Android? Se è questo uno dei vostri interrogativi, allora lo risolveremo subito. Recovery dall’inglese vuol dire recupero.

Che cosa si recupera? Principalmente il sistema operativo Android, quando risultano presenti malfunzionamenti del sistema. La recovery è accessibile tramite l’utilizzo di alcuni tasti dello smartphone, premuti in sequenza durante l’avvio. Comparirà in seguito un menù composto da opzioni da scegliere sullo smartphone fra cui anche la cancellazione di dati appartenenti al sistema operativo.

Se si tratta di un reset che mantiene i dati presenti come foto e video e via discorrendo allora si parla di soft-reset ovvero un ripristino leggero dello smartphone senza perdere troppi dati. Mentre si parla di hard-reset se si perdono tutti i dati. Quindi è consigliabile sempre un backup.

Come si attiva la recovery mode?

Per ogni dispositivo esistono delle sequenze di tasti precise che servono appunto per attivare la recovery. La maggior parte delle recovery si attiva spegnendo lo smartphone e a accendendo quest’ultimo con quella specifica sequenza.

Altri smartphone possono accedere a questa recovery tenendo premuto il tasto che appare alla pressione prolungata di 2 secondi del tasto Power “Spegni telefono”, infatti comparirà un messaggio che avvisa l’utente del riavvio dello smartphone in modalità provvisoria, che coincide il più delle volte con la recovery.

Ecco qui di seguito alcune sequenze:

  • Power + Volume Su + Home: questa è generale, vale un po’ ovunque;
  • Volume Giù + Home + Power: per LG G4;
  • Power + Volume Su + Home: valida per Galaxy S6 e Galaxy S6 edge;
  • Dopo aver tolto l’opzione “fastboot” dall’impostazione batteria: Volume Giù premuto quando è spento, premere 1 volta Power, tenere premuto Volume Giù, lasciare solo dopo che il menù è caricato: valido per HTC One M9;
  • Da telefono spento: tenere il Volume Giù premuto, inserire usb nel pc, seguire i passaggi per entrare in recovery da qui: per Sony Xperia Z5;
  • Power + Volume Su: per Huawei P8

Queste sono solo alcune delle possibili combinazioni di tasti. Basta scrivere il proprio smartphone seguito da recovery e Google farà il resto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giovanni Giordano

Giovanni Giordano - La recovery è uno strumento utile da non toccare. In tutti gli smartphone serve per ripristinare il dispositivo nel caso di malfunzionamenti. La corruzione di questa funzione fa decadere un lato della sicurezza importante. La recovery non è neanche difficile da utilizzare, l'unica conoscenza che forse può aiutare è la conoscenza di un po' di Inglese che aiuta a capire dove posizionarsi. Ma anche ricordarsi le parole chiave possono aiutare per destreggiarsi in questo menù. Meglio imparare la sequenza di tasti a memoria, così da poter essere pronti a utilizzare questo strumento immediatamente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!