Iscriviti

Maze Blade: entry level telefonico elegante, potente, economico

Da oggi, il mondo della telefonia mobile ha un nuovo protagonista, il brand cinese Maze, che esordisce sul mercato col Maze Blade, un entry level ben costruito e con specifiche molto valide offerte ad un ottimo prezzo di lancio.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 13 aprile 2017, alle ore 12:33

Mi piace
12
0
Maze Blade: entry level telefonico elegante, potente, economico
Pubblicità

YOP, dopo aver prodotto diversi device per gli altri, è scesa in campo in prima persona nel settore degli smartphone, col brand “Maze”, che può già vantare un ottimo entry level, il Maze Blade, dal design particolarmente curato.

Maze Blade ha una tipica struttura a sandwich, con le facciate in vetro che si giungono tra loro tramite una cornice laterale in alluminio anodizzato: al suo interno, pulsa un processore a otto core (Cortex-A53) della MediaTek, il MT6753, cloccato alla frequenza massima di 1.3 GHz, ed abbinato ad una GPU Mali-T720 MP3 (da 450 MHz). La RAM arriva a 3 GB, e lo storage si ferma a 32 GB. In compenso, è possibile sfruttare il secondo alloggio nello slot del Dual microSIM per caricare una microSD dalla capienza massima di 64 GB.

Il frontale annovera un display flat da 5.5 pollici, con risoluzione FullHD (1920 x 1080 pixel), ed ottima densità di pixel (441 PPI): la fotocamera frontale, posta nella lunetta superiore, assieme al sensore di prossimità e di luminosità, si basa sul sensore Sony IMX 179 da 8 megapixel: vi è il focale a f/2.0, ma manca l’autofocus, sostituito da un classico meccanismo a fuoco fisso.

In basso, invece, troviamo il tasto Home, sotto il quale si cela lo scanner per le impronte digitali. Sul retro, invece, è posta la fotocamera posteriore da 13 megapixel, basata su un sensore Sony IMX 214 con pixel grandi 1.12 micron: anche in questo caso, il focale è a f/2.0, ma è presente sia l’autofocus che un Flash Dual LED di tipo True Tone.

A complemento del comparto multimediale, annoveriamo il jack da 3.5 mm per le cuffie, un microfono con cancellazione dei rumori ambientali, ed un altoparlante, opportunamente collocato sul davanti

All’interno della sua struttura compatta (158.5 x 77 x 8 mm, per 190 grammi), vagamente simile ai modelli più piatti di device Sony, troviamo un set di connettività davvero completo: in dote, infatti, il Maze Blade porta il supporto al Dual SIM (ibrido), al Wi-Fi 802.11 b/g/n, al Bluetooth 4.0, ed al 4G (con supporto alla frequenza da 800 MHz, banda 20): non manca neppure un localizzatore GPS (A-GPS, Glonass), ed una porta microUSB (OTG), che può essere utilizzata anche per ricaricare la batteria, capiente ma non removibile, da 3000 mAh

Peccato per il sistema operativo che, a fronte della prima developer rilasciata di Android O, risulta essere ancora il pur rodato Marshmallow 6.0: per fortuna, il produttore lo ha impreziosito con utili feature, quali la possibilità di usare le gesture a display spento (o meglio, “addormentato”), onde lanciare le feature più usate. 

Il Maze Blade (con cornice nera, oro, o grigia) è già disponibile all’acquisto, presso alcuni noti rivenditori internazionali, ad un prezzo di lancio pari a circa 118/121 euro (fino ad esaurimento scorte, e per un periodo di tempo limitato). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Trovo incredibile il mercato degli smartphone che, ancorché affollatissimo, non perde mai in apertura, accogliendo spesso nuovi protagonisti della telefonia mobile: Maze sembra avere le carte in regola per far benissimo, osservando il suo primo Maze Blade. Nella fattispecie, si tratta di uno smartphone molto elegante, ben costruito, potente, e con un comparto multimediale di buon livello: non ha fronzoli eccessivi, tanto nelle feature, quanto nelle specifiche, e ciò può essere un bene. Unica nota dolente, il sistema operativo, che speriamo Maze voglia aggiornare quanto prima!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!