Iscriviti

Fatturazione a 28 giorni: Vodafone, Wind e Co. dovranno rimborsare i propri clienti

Dopo aver messo fine alla pratica della fatturazione a 28 giorni, l'AGCOM ha sancito l'obbligo - per le compagnie telefoniche che l'avevano adottata in passato - di rimborsare i propri clienti. Ecco tutti i dettagli sulle modalità del risarcimento.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 5 luglio 2018, alle ore 01:00

Mi piace
12
0
Fatturazione a 28 giorni: Vodafone, Wind e Co. dovranno rimborsare i propri clienti

Altra buona notizia per tutti quelli che, a partire dal mese di giugno dello scorso anno, hanno ricevuto la brutta sorpresa di vedere il proprio conto telefonico fatturato ogni quattro settimane. Dopo l’abolizione della illegittima pratica della fatturazione a 28 giorni, infatti, l’AGCOM ha stabilito che gli operatori telefonici che l’avevano adottata rimborsino i propri consumatori.

Nel corso del 2017, infatti, molte compagnie hanno modificato il sistema di fatturazione dei servizi telefonici modificando di fatto la durata dei piani telefonici che, nello specifico, è passata dall’essere pari ad un mese solare al durare solo 28 giorni. Questo stratagemma, in poche parole, ha concesso alle compagnie telefoniche di ‘rubare’ ogni mese dei giorni di servizio, e sono proprio questi giorni che l’autorità per le garanzie nelle comunicazioni chiede che vengano rimborsati ai consumatori

Modalità e tempistiche del rimborso 

Il tutto è sancito dalla delibera 269/18/CONS a cui si aggiungono anche le indicazioni del TAR del Lazio volte a dettagliare modalità e tempistiche di risarcimento. Nello specifico, gli operatori hanno tempo fino al prossimo 31 dicembre per provvedere a tale risarcimento che, tuttavia, potrà essere effettuato anche in formula rateale, vale a dire sotto forma di accredito in più mensilità. 

La delibera prevede, inoltre, che a beneficiare di tale rimborso dovranno essere anche tutti coloro che, nel frattempo, hanno deciso di cambiare operatore, anche se per il momento non sono ancora state specificate le modalità di recupero relative a questo particolare caso. 

Il calcolo della somma spettante dovrà esser fatto considerando i giorni di mancato servizio a partire dal 23 giugno 2017 fino al giorno in cui è stata ripristinata la fatturazione mensile. Ovviamente, gli importi varieranno da cliente a cliente, in base al piano telefonico che ognuno aveva in quel determinato periodo.

Non rimane altro che aspettare la reazione degli operatori a questa delibera, e vedere se si adegueranno ad essa o proveranno a fare ricorso.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Stefania Angela Ferrara

Stefania Angela Ferrara - Finalmente una buona notizia per tutti quei consumatori che si sono trovati a dover pagare di più per il proprio conto telefonico. Speriamo, a questo punto, che non rendano estremamente complicato il poter richiedere tale rimborso, soprattutto per tutti quelli che, nel frattempo, scontenti per il comportamento del proprio gestore, hanno deciso di cambiarlo.

Lascia un tuo commento
Commenti
Adriana Vasa
Adriana Vasa

20 luglio 2018 - 08:38:48

Ma davvero ci crediamo? hanno già riformulato tutte le offerte e quello che fingeranno di resyituire s3 lo riprebderanno con gli interessi

0
Rispondi