Iscriviti

Aumento dei prezzi in Vodafone: in arrivo nuove rimodulazioni per chiamare anche senza credito

Vodafone ha in serbo delle rimodulazioni da 1 euro in più se si effettuano telefonate senza credito residuo. I clienti potranno disdire il contratto senza pagare penali.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 16 febbraio 2019, alle ore 19:44

Mi piace
3
0
Aumento dei prezzi in Vodafone: in arrivo nuove rimodulazioni per chiamare anche senza credito

Vodafone è pronta a proporre delle rimodulazioni delle proprie offerte. Si tratta di modifiche unilaterali del contratto che hanno valenza a partire dal 15 aprile 2019. Sul sito ufficiale della Vodafone, infatti, è comparso un annuncio che notifica l’arrivo di un aumenti di prezzi per coloro che effettuano il rinnovo tramite credito residuo e non tramite carta di credito. 

Dalla primavera, dunque, le tariffe subiranno un aumento di 99 centesimi se il cliente decide di non cambiare operatore. Al momento, con le attuali condizioni, se prima della fine del mese si finiscono i giga o i minuti, i servizi sono interrotti: dunque, non è più possibile navigare o chiamare altre persone. Dal 15 aprile, invece, con il pagamento di 1 euro in più, anche senza credito e con minuti e giga terminati, è possibile continuare a navigare e chiamare per i successivi due giorni. Trascorsi i due giorni, ogni attività viene bloccata, e la Sim potrà solo ricevere SMS e telefonate. 

Rincari Vodafone: gli utenti saranno avvisati via SMS

Si parla, dunque, a tutti gli effetti, di una rimodulazione dei costi prefissati dal contratto. Vodafone è al lavoro per la preparazione di un SMS che spieghi le novità in arrivo. Gli utenti dovranno essere consapevoli che, nel momento in cui si effettua una telefonata senza credito, si vedranno addebitare un euro in più sul successivo rinnovo. 

La legge prevede in questi casi che l’utente non soddisfatto possa lasciare il proprio operatore senza alcun costo aggiuntivo solo se fa richiesta di cambio operatore fino al 14 aprile, il giorno prima dell’inizio della nuova tariffa. Per presentare la disdetta, basta inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno a Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10.0.15 Ivrea, Torino o, in alternativa, una mail via PEC all’indirizzo disdette@vodafone.pec.it. 

Un’alternativa è telefonare al servizio clienti (190), o recarsi di persona nei punti vendita Vodafone e compilare l’apposito modulo per la recessione del contratto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Ancora rimodulazioni e rincari delle bollette. È solo un euro, ma non capisco perché un servizio pressoché uguale venga a costare di più (come è successo anche per altri operatori telefonici). La giustificazione tipica degli operatori è: per mantenere lo stesso standard qualitativo, è necessario aumentare i costi. Per fortuna, la legge tutela chi vuole cambiare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!