Iscriviti

"Sono tornati i Braccialetti rossi", pronta negli store la seconda edizione

Dopo la prima versione del 2017, il nuovo “Sono tornati i Braccialetti rossi” di Mimmo Parisi, seconda edizione 2018, si presenta con nuove avventure e personaggi.

Libri
Pubblicato il 5 settembre 2018, alle ore 15:00

Mi piace
1
0
"Sono tornati i Braccialetti rossi", pronta negli store la seconda edizione

I miracoli esistono e Albert Espinosa ne è il testimone e la prova. L’idea di mettere nero su bianco parte delle sua vita, probabilmente la più significativa, è il tracciato che segnala la bontà della sua idea di condividere con altri la sua “avventura” legata alla patologia e dare così occasione di meditazione. In fondo l’idea di base è semplice: mettere per iscritto in un libro che nella vita quello che importa è… la vita.

Sulla scorta di un pensiero così evidente – ma disatteso dalla maggior parte di tutti, visto che si è sempre di corsa verso obiettivi più o meno irrealizzabili – e contenuto nel libro “Braccialetti rossi”, che Espinosa pubblica in Italia nel 2014 (in lingua originale esce nel 2008), nasce dall’inventiva di un sensibile cantautore italiano, Mimmo Parisi, l’idea di continuare l’opera di divulgazione dello scrittore spagnolo.

L’evento narrativo del romanziere italiano mira a rendere un fatto editoriale mondiale, capace di essere codificato anche in altri contesti geografici. Nasce così “Sono tornati i Braccialetti rossi”. Il libro di Parisi esce nel 2017 ed è da subito accolto dall’entusiasmo di un pubblico trasversale: le avventure di un gruppo di ragazzini alle prese con patologie varie non possono essere appannaggio di un target di lettori preciso. Perché i problemi dell’esistenza non possono avere una sola fascia interessata ad essa e spetta agli scrittori più sensibili intercettare questi temi. 

La nuova edizione del libro è indirizzata anche a coloro che hanno letto la prima. Ai protagonisti già esistenti se ne sono aggiunti altri, che coinvolgeranno maggiormente il lettore nelle avventure dei piccoli pazienti che, seppur chiusi all’interno di un reparto ospedaliero, riescono comunque a vivere ogni giorno sperando in quello successivo.

Mentre ormai per la maggior parte delle persone le vacanze sono solo fotografie da rivedere sullo smartphone che sa ancora di sabbia durante una pausa caffè, torna in questa fine estate 2018 nelle librerie la seconda edizione di “Sono tornati i Braccialetti rossi”. Un’occasione, quella fornita dal libro, che ancora una volta potrà dare il via ad un momento di riflessione, magari propedeutico per ritornare a scuola o agli impegni lavorativi che attendono ognuno di noi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesca Guglielmini

Francesca Guglielmini - Un rinnovamento che porta nuova linfa ad una narrazione già di grande spessore. L’autore propone un riassetto della storia che, i lettori della prima edizione la ricorderanno, è ambientata in un ospedale vero del nord-est italiano: nella Pediatria dell’Ospedale Bellaria di Bologna. Oltre ai personaggi presenti nella prima versione – quindi, anche i lettori storici delle vicende dei "Braccialetti rossi bolognesi" troveranno delle novità importanti dal punto di vista narrativo – sono state aggiunte nuove figure, con l’intento di rendere ancora più interessante il plot del romanzo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!