Iscriviti

Luis Sepùlveda, il ricordo del professore Pino Boero

Il professore Pino Boero parla di Luis Sepùlveda, dell'importanza dei suoi libri e della sua meravigliosa persona. Uno scrittore i cui libri non hanno mai avuto un intento moralistico e che sicuramente mancherà molto ai suoi lettori.

Libri
Pubblicato il 19 aprile 2020, alle ore 19:39

Mi piace
8
0
Luis Sepùlveda, il ricordo del professore Pino Boero

La dipartita dello scrittore cileno Luis Sepùlveda, causata dal Covid-19, ha lasciato sgomenti e rammaricati tutti i suoi lettori, ma soprattutto la moglie, che ha perso il compagno di una vita. Pino Boero, insegnante di letteratura per l’infanzia e pedagogia della lettura alla facoltà di Scienze della formazione dell’Università di Genova, racconta, intervistato da Il fatto quotidiano, l’importante lezione dello scrittore.

Boero, oltre ad essere professore, è anche scrittore e conosce molto bene i lavori e le opere di un altro grande autore, ovvero Gianni Rodari. Per quanto riguarda Sepùlveda, afferma che era uno scrittore universale, le cui storie appassionavano chiunque, grandi e piccini. Un autore che, con le sue opere, secondo Boero, ha sempre messo al centro l’infanzia, i bambini e il loro mondo, facendo in modo che recepissero certi messaggi e lezioni. 

Con le sue opere ha appassionato anche gli adulti, raccontandosi e facendo in modo che si avvicinassero maggiormente ai bambini. Secondo Boero, “Sepùlveda ha saputo guardare fuori di sé, guardare gli altri e allargare l’idea della conoscenza che non è quella che fa perno sul proprio ombelico. In questo modo lui è riuscito a parlare agli adulti e anche ai bambini”.

Inoltre, nelle opere dello scrittore cileno, l’ironia è una sorta di salvavita, l’altra faccia della tragedia umana e la maggior parte dei suoi personaggi sono molto ironici. Inoltre, Sepùlveda ha sempre avuto un rapporto simbiotico con i suoi personaggi, riuscendo anche a staccarsi da loro raccontando i loro pregi e difetti, compreso il loro bagaglio culturale.

Secondo Boero, lo scopo di Sepùlveda era quello di raccontare storie. Non aveva mai un intento moralistico o didascalico, al contrario, voleva semplicemente che i suoi lettori le conoscessero. Inolre, “non aveva mai una missione sgridata” ed è questo il ricordo migliore di Boero e quello che gli mancherà maggiormente.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Luis Sepùlveda è stato un grande scrittore cileno che ha insegnato, con i suoi libri, a grandi e piccini l'importanza e la bellezza di essere se stessi, nonostante tutto, come dimostra il suo romanzo più celebre "La storia della gabbianella e del gatto che le insegnò a volare". Mancherà terribilmente il suo modo di vedere e descrivere il mondo, oltre all'ironia che ha contraddistinto molte sue opere.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!