Iscriviti

Eshkol Nevo ricorda Amos Oz, suo maestro, recentemente scomparso

Un ricordo commovente e tenero dello scrittore Eshkol Nevo verso Amoz Oz, suo maestro e mentore. Una lezione di coraggio, speranza e un insegnamento per le generazioni future.

Libri
Pubblicato il 5 gennaio 2019, alle ore 11:01

Mi piace
8
0
Eshkol Nevo ricorda Amos Oz, suo maestro, recentemente scomparso

Amos Oz, scrittore di origini israeliane, scomparso il 28 dicembre del 2018, ha lasciato un vuoto incolmabile nella letteratura e in tutti i lettori che lo hanno amato e apprezzato. Eshkol Nevo lo ricorda in una intervista rilasciata al “Corriere della Sera” e spera che ognuno di noi possa avere il suo stesso coraggio e voglia di rischiare. 

Oz è stato il maestro del Corso di Scrittura che Nevo frequentava all’Università di Ben Gurion e lo ricorda in questo modo: “Non posso insegnarvi a scrivere. Però vi posso insegnare a cancellare”. Nevo ricorda il grande rispetto che aveva nei confronti di tutti e anche la serietà con cui riusciva ad approcciarsi a qualsiasi testo in modo da spiegarlo meglio agli studenti. Per Nevo, Oz non è stato solo importante per l’esercizio della scrittura e sull’arte dello scrivere, ma anche come esempio da seguire per l’insegnamento. 

Nevo ricorda di un episodio all’università in cui ha raccontato a Oz quanto avesse mollato tutto per scrivere, ma lo scrittore israeliano gli raccontò che non bisognava solo scrivere e basta, ma anche dedicarsi ad altro, in modo da avere una mente aperta e libera per poter raccontare e scrivere di tutto. Per Oz era importante essere coinvolti nella società in cui si vive, esprimersi sulla società e vivere la realtà concreta. 

Uno scrittore che si è sempre dedicato anche all’impegno politico e i suoi libri sono un esempio in tal senso. Nevo spera che ognuno di possa avere il suo coraggio di non tacere di fronte agli eventi che succedono, di non tacere di fronte ai cambiamenti del paese, di essere partecipe quando il paese cambia faccia. 

Nevo lo ricorda come l’oratore che scolpiva le fiamme, lo stregone della tribù, nella vita privata era una persona di straordinaria delicatezza. E di straordinaria generosità. Per Nevo, Oz è stato un grande maestro, un maestro giusto che può cambiare la vita di una persona proprio come è successo a lui e alla sua storia di scrittore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Dispiace sempre quando uno scrittore di cui hai letto le sue storie ci abbandona, perché è come se si perdesse un amico importante. Mi piace molto questo ricordo di Nevo su Oz come scrittore, ma anche come maestro di vita. Spero che ognuno di noi possa trovare nella sua vita un maestro come lui in modo da dargli i giusti consigli.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!