Iscriviti

Xiaomi Mi TV 4, la TV smart economica, con AI, più sottile al mondo

Immancabile presenza, al Ces 2017, quella delle TV, che trovano lo stato dell'arte nella creazione che la cinese Xiaomi ha presentato con un evento ad hoc: la Xiaomi Mi TV 4, la TV smart economica, con intelligenza artificiale, più sottile al mondo!

Hi-Tech
Pubblicato il 6 gennaio 2017, alle ore 12:41

Mi piace
9
0
Xiaomi Mi TV 4, la TV smart economica, con AI, più sottile al mondo

Al Ces 2017, ormai al suo clou in quel di Las Vegas, la cinese Xiaomi – diretta dall’ex Google Hugo Barra – ha rubato la scena, per qualche ora, presentando la Xiaomi Mi TV 4, definita – ed a ragione – come la TV smart più sottile al mondo.

Nello specifico, la Xiaomi Mi TV 4 è basata su pannelli LCD, da 49, 55, e 65 pollici, dotati di una risoluzione UltraHD : le cornici attorno al display sono inesistenti, e la base di appoggio, è trasparente, in modo da creare – con questo sistema – l’illusione che le immagini 4K galleggino letteralmente in aria. La back cover è quasi interamente in metallo (70%), e lo spessore della TV, come detto, è impressionante: se la parte bassa, infatti, vanta 38,9mm di profondità, un valore tutto sommato nella media, la parte alta della Xiaomi Mi TV 4 è spessa appena 4,9 mm, circa il 30% meno di un iPhone recente, tanto che – secondo Hugo Barra – guardandola di lato, questa televisione risulta “quasi” invisibile…

Un risultato davvero ragguardevole, quello sin qui esposto, ottenuto con 2 escamotage molto furbi. Innanzitutto, il sistema di retroilluminazione della TV non è “Full LED” ma “Edge LED”: i diodi deputati all’illuminazione, cioè, sono stati posti solo lungo i quattro lati e non dietro tutta la superficie del monitor. Questo ha consentito alla silhouette della TV Xiaomi di snellirsi, anche se resta da vedere come sarà stato gestito il problema che, di solito, caratterizza le televisioni di questo tipo: ovvero, le zone centrali del monitor sono più scure e meno efficacemente contrastate. 

L’altro espediente progettuale utilizzato dai tecnici della Xiaomi è consistito nell’utilizzo della Mi TV Bar: quest’ultima – in primis – fa da soundbar, grazie a 10 speaker integrati, ad un subwoofer esterno (connesso via cavo), ed a 2 satelliti wireless collocati dietro la postazione del telespettatore. Considerando che tutto l’impianto in questione è in grado di riflettere i suoni anche sul soffitto della stanza, ne consegue il pieno supporto allo standard che Dolby Atmos prevede per l’erogazione dell’audio immersivo “3D spherical surround sound”.

Oltre a ciò, come poc’anzi accennato, la Mi TV Bar ha consentito ai progettisti della Xiaomi di “sgravare la TV” di tutto (o quasi) il suo hardware di calcolo che, viceversa, è stato “scaricato” nella dock in oggetto: quest’ultima, infatti, ospita anche il processore a otto core con architettura a 64 bit, necessario a supportare il sistema operativo Android TV, e l’intelligenza artificiale Patch Wall, in grado di suggerire all’utente nuovi programmi di interesse – dall’immenso database cui attinge – grazie alle sue passate scelte intrattenitive. Sempre dalla Mi TV Bar, infine, si dipartono le connessioni usualmente collocate sul retro delle televisioni: in questo caso, tra le tante, troviamo 2 porte USB, 1 Ethernet Lan, 3 HDMI, 1 jack per l’alimentazione, e 1 connettore per l’antenna.

Xiaomi Mi TV 4, che – grazie alla sua ottica modulare – potrà essere aggiornata col semplice cambio della Mi TV Bar, esordirà nel mercato cinese con 2 varianti. Quella più costosa, in quanto dotata di audio Dolby Atmos, costerà – comunque – molto poco, ovvero “ben al di sotto dei 2000 dollari”, mentre quella più accessibile, dotata di un audio tradizionale, sarà acquistabile con molto meno di 1500 dollari, almeno secondo l’entusiasta Hugo Barra.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Ho deciso: la voglio! Scherzi a parte (sono ben soddisfatto della mia "semplice FullHD), trovo che questa Xiaomi Mi TV 4 sia davvero lo stato dell'arte della televisione moderna: la risoluzione non necessita di commenti, essendo UHD, e lo spessore - abbinato alle cornici inesistenti - è un indubbio elemento di "fascino" tecnologico. Vi è anche l'intelligenza artificiale "Patch Wall" che, a quanto dicono dall'Asia, funzioni molto bene nell'imparare i gusti dei suoi telespettatori: un qualcosa che va ben al di là del semplice adattamento di Android destinato alle TV. Altro? Secondo Barra, dovrebbe costare anche molto, molto, poco: meno di 2000 dollari, per una TV del genere, sono davvero la base per un eccellente rapporto qualità/prezzo. Come al solito, destinato ad altri...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!