Iscriviti

TV: dal CES 2019 arrivano le Android TV di Philips e TCL

Tra le più interessanti proposte televisive apparse a Las Vegas quest'anno, non sono mancate le offerte di Funai (Philips) e TCL, con nuovi modelli di TV animate da Android ed impreziosite dal supporto a Google Assistant: ecco di cosa si tratta.

Hi-Tech
Pubblicato il 17 gennaio 2019, alle ore 10:15

Mi piace
9
0
TV: dal CES 2019 arrivano le Android TV di Philips e TCL

Al CES 2019, anche Philips (tramite il distributore giapponese Funai) e TCL hanno presentato i loro progressi nel campo della televisione, con – rispettivamente – nuove serie di TV 4K UHD smart e modelli 8K (o prototipi con miniLED), pronti per aggredire il mercato.

Funai, in particolare, ha mostrato (con prezzi che partoni dai 350 dollari) le nuove Android TV Philips delle serie 5704 (già in selezionati rivenditori) e 5904 (nella seconda metà del 2019, con specifiche leggermente migliorate, es. un microfono a più lunga gittata): nello specifico, si tratta di televisioni 4K UHD con display cadenzati in 5 tagli differenti, da 43/50/55/65/75 pollici, animate da Android TV (Oreo 8.0) e, ipso facto, dotate di varie app per lo streaming di contenuti (Hulu, Netflix, Google Play Film e TV, YouTube TV, Google Play Music), oltre che dei comandi vocali per interagire con Assistant (controllando in tal modo sia la TV che la domotica compatibile con Google Home).

Dal punto di vista della tecnologia dell’immagine, le nuove serie di Philips 4K UHD beneficiano del supporto all’HDR 10 e della tecnologia Bright Pro (immagini più luminose con contrasti più profondi di un normale LCD), mentre – per quel che concerne le connettività – non mancano il Wi-Fi ac dual band MIMO, il Bluetooth 4.2 (per le cuffie o la tastiera esterna), l’USB, l’Ethernet Lan, l’HDMI, e l’antenna RF. 

In attesa di deliziare gli altrui apparecchi con le proprie nuove soundbar ancorabili alla parete, le Alto 5 (31.5 cm in orizzontale, per TV da 43 pollici in su) ed Alto 7 (36 cm in orizzontale, per TV dai 55 in pollici a crescere) dotate di Bluetooth per lo streaming, subwoofer wireless opzionali, e 3 modalità di ascolto, la cinese TCL – terzo produttore mondiale di televisioni – ha portato prodotti già pronti o in prospettiva.

Nel primo caso, è stata presentata – come punta di diamante dell’offerta – la sottilissima QLED TV X10 da 75 pollici, con local dimming e supporto ad HLG, HDR10, e Dolby Vision: con retroilluminazione Full LED, si avvale della tecnologia Quantum Dot, garantendo un quasi totale estensione della scala cromatica DCI-P3 al pannello LCD. Curato l’audio con sonorità “object based” e immersività Dolby Atmos, il sistema operativo – Android TV – garantisce l’interazione con il maggiordomo virtuale Assistant. Non sono mancate, però, con tagli da 32 e 40 pollici, anche le Android TV ES56ed ES58, apprezzate per aver portato l’HDR anche nell’HD (primo modello) e nel FullHD (secondo modello). 

Portando avanti un’idea invece abbandonata da Samsung per via degli alti costi, la medesima azienda ha mostrato anche un prototipo 8K di TV QLED con retroilluminazione tramite una matrice di miniLED

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Ormai, tra i produttori di televisioni, è guerra a chi vanta la risoluzione più alta ma, da quel che si vede, un po' tutti sono consapevoli che un'immagine di qualità si ottiene anche con il supporto a vari formati ed escamotage per la retroilluminazione. Tendenza comune nelle offerte di Philips e TCL è stata rappresentata dall'uso di Android TV e dall'arrivo del supporto ad Assistant.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!