Iscriviti

Sicurezza al CES 2020 con tante videocamere e serrature smart

Passato forse inosservato accanto a device flessibili, super notebook, display innovativi, e avanzate smart TV, il segmento della sicurezza ha fatto tappa al CES 2020 con gli interessanti prodotti di diverse hardware house, qui proposti in un breve recap.

Hi-Tech
Pubblicato il 13 gennaio 2020, alle ore 11:25

Mi piace
5
0
Sicurezza al CES 2020 con tante videocamere e serrature smart

Tra i vari prodotti presenti al CES 2020 di Las Vegas non sono mancati quelli relativi alla sicurezza domestica, in gran parte rientranti nelle categorie delle videocamere di sorveglianza (ad es. di Arlo e D-Link) e delle serrature smart (Yale, abode, Netatmo).

L’americana Arlo, dal quartier generale di San Jose, ha portato in fiera la Floodlight Arlo Pro 3 (in commercio a pressappoco 220 euro, ovvero a 250 dollari, in primavera), un’elegante e minimale webcam per esterni, alimentata tramite batteria ricaricabile e con trasmissione Wi-Fi, in grado di assicurare riprese 2K HDR a colori anche di notte, grazie ad un faro a LED che, settato dall’app quanto a sensibilità del sensore ambientale, può essere avviato automaticamente, o manualmente (a scopo dissuasivo, in tandem con un allarme sonoro). 

Sempre dagli USA arriva la Outdoor/Indoor Smart Camera (199 dollari, o circa 180 euro, verso il Marzo 2020) della start-up abode: in questo caso, si tratta di una webcam ultragrandangolare (152°), impermeabile (IP65) per gli usi esterni, in grado di riprendere in FullHD: grazie al sensore di movimento, ed a quello per le riprese notturne (a infrarossi), può individuare la presenza di persone, scoprendo – grazie al riconoscimento dell’aspetto – se siano intrusi

Dalla taiwanese D-Link arrivano, invece, le videocamere di sorveglianza Wi-Fi DCS-8000LHV2, Wi-Fi SpotlightDCS-8627LH, e Wi-Fi DCS-8526LH: il primo modello (3.7 x 4.5 x 9.5 cm), ultragrandangolare (138°), riprende in FullHD@30fps, con capacità di rilevamento delle intrusioni in zone perimetriche appositamente settate, mentre il secondo modello, impermeabile IP65 e di gran lunga più evoluto, si avvale di un faretto a LED da 400 lumen, con ripresa notturna a infrarossi e/o a colori: l’audio a due vie permette di emettere un allarme o di erogare la voce dell’utente, ma anche di ricevere i comandi per Assistant/Alexa (es. per disattivare la sirena o spegnere il LED), mentre il rilevamento della rottura per il vetro fornisce un livello di sicurezza ulteriore rispetto al solo monitoraggio delle intrusioni perimetriche, comunque in dotazione.

Quest’ultimo è presente anche nella Wi-Fi DCS-8526LH, con ingresso Ethernet per il collegamento cablato, riprese a 360° (con setting per l’angolo panoramico), e motorino per il movimento a 340° in orizzontale e a 105° in verticale (che consente di seguire e zoomare sull’elemento attenzionato).

L’americana (ma di proprietà svedese) Yale, invece, si è concentrata sul suo focus, quello delle serrature, con la Linus Smart Lock (forse sui 250 dollari). Tale serratura, in tandem con la companion app Yale Access App, può abilitare all’apertura senza chiavi, anche da remoto (es. per consentire una consegna in casa o l’entrata di qualcuno), interagisce con gli assistenti virtuali (Alexa, Siri via HomeKit 2, Assistant) grazie al Connect Wi-Fi Bridge, supporta le automazioni e le routine (IFTTT), ma ha anche funzioni di sicurezza, visto che può autolucchettarsi dopo un certo lasso di tempo (settabile) ed invia una notifica ad ogni apertura/chiusura (con riconoscimento del padrone di casa, e storico degli ingressi/uscite). 

Infine, dalla francese Netatmo arriva la Smart Door Lock. La stessa ha una piacevole forma a cilindro, di stampo vintage, e funziona in tandem con una finta chiave fisica, in realtà un tag NFC programmabile (per aprire più porte, per togliere l’accesso dopo tot giorni in caso di bed & breakfast, o bloccarlo del tutto in caso di smarrimento). Pluri-certificata per la sicurezza (A2P, SKG, BZ +), usa solo il Bluetooth (onde risultare immune agli attacchi dalla Rete) e integra un accelerometro in ottica anti manomissione. Accreditata di una futura compatibilità, via aggiornamento, con Apple HomeKit, la Smart Door Look dovrebbe arrivare sul mercato nella seconda metà del vigente anno (ad un prezzo ancora ignoto).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Ho iniziato a interessarmi alle videocamere di sorveglianza sia per esigenze personali, sia per rispondere ad alcune richieste di amici, e ho scoperto quanto anche queste ultime possano essersi evolute negli ultimi tempi: tuttavia, occorre settarle per bene, onde evitare che un hacker possa usarle per spiarci e, magari, sapere quando non siamo in casa. Le serrature smart sono in circolazione da qualche anno, grazie a servizi come Airbnb: tra i modelli rendicontati, mi ha colpito - per sicurezza - il modello Netatmo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!