Iscriviti

Samsung e AOC annunciano nuovi monitor per professionisti e gamers

Conclusa l'estate, è tempo di nuovo di attività indoor, con quelle professionali e videoludiche attenzionate da due colossi dell'hardware, Samsung e AOC, con rispettive soluzioni in ambito di monitor evoluti.

Hi-Tech
Pubblicato il 21 settembre 2021, alle ore 08:57

Mi piace
2
0
Samsung e AOC annunciano nuovi monitor per professionisti e gamers

Il settore dei display, necessario sbocco visuale per i computer, ma anche in ottica multi-tasking quando si usa un normale notebook, ha tra i suoi protagonisti Samsung e AOC che, di recente, hanno ampliato i rispettivi listini con nuovi monitor

In favore della didattica a distanza, dello smart working e di quello ibrido, Samsung ha messo in campo (nella colorazione nera, per la cifra di 289 euro) l’ecologico (chassis in plastica riciclata, consumo energetico basso certificato da Energy Star) Webcam Monitor S4 model S40VA: quest’ultimo, sormontato da una webcam (FullHD, 2 megapixel, microfono, biometria Windows Hello grazie agli infrarossi) pop-up, estraibile e rientrabile previa pressione, si basa su un pannello LCD IPS (178°) piatto in 16:9 da 24 pollici, risoluto in FullHD, con 75 Hz di refresh rate, 250 nits basici di luminosità, tecnologia anti-sfarfallio (Flicker Free) e di contenimento della luce blu (TÜV Rheinland), e supporto all’ AMD FreeSync in favore dei gamers.

La struttura, che comprende anche due speaker da 2W cadauno, regolabile in altezza, inclinabile, orientabile in verticale per la funzione Pivot, ma anche ancorabile a parete via attacco VESA (100×100), cela diverse porte, tra cui un jack da 3.5 mm, tre USB 3.0, e tre uscite video (HDMI 1.4, D-Sub 1EA, Display Port 1.2). 

Dalla cinese AOC arrivano, nella serie AGON PRo, due monitor da gaming con IPS e tempi di risposta a 1 ms, rappresentati dall’AOC AGON PRO AG324UX e dall’AOC AGON PRO AG274FZ. Il primo modello (1.139 euro), certificato VESA DisplayHDR 400, premiato col Red Dot Design Award. quanto a design, ha un pannello 4K da 31.5 pollici privo di cornici su 3 lati, con DCI-P3 coperto al 99.8%, con la funzionalità di switch multi-sorgente KVM e due porte HDMI 2.1 supportanti i gamers (già attenzionati con 144 Hz di refresh rate) con i protocolli di sincronizzazione NVIDIA G-Sync e AMD FreeSync Premium. All’interno dell’hub USB celato in basso, spicca una USB Type-C con carica a 90W, mentre le restanti porta prevedono un jack da 3.5 mm e una Display Port 1.4. Concluso l’ambito hardware con due speaker da 8 watt cadauno predisposti per il DTS, lato software, è possibile orientarsi nel menu OSD mediante il software G-Menu o il telecomandino cablato QuickSwitch, magari per settare la sovrimpressione del mirino (Dial Point). 

Sempre regolabile in altezza e con luce LIGHT FX (cioè LED RGB) sul retro e davanti, il secondo modello (489 euro) annovera anche altri elementi in comune col fratello maggiore, come nel caso del DTS a supporto dell’audio (via due speaker da 5 watt), e la certificazione VESA DisplayHDR 400: il pannello, da 27 pollici, però è un FullHD con refresh rate overcloccabile a 260 Hz, con la resa cromatica sostanziata in 110.5% sulla scala sRGB. L’ambito delle porte in questo caso prevede un paio di Display Port 1.4, altrettante HDMI 2.0 (con Adaptive-Sync via AMD FreeSync) e, nel relativo hub, un poker di USB 3.2 Type-A.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Indubbiamente, per i gamers sono più indicati i modelli di AOC che, in più, hanno anche un design più estroso. Nel caso del prodotto Samsung, molto sobrio, è possibile trarne beneficio nell'ambito professionale anche grazie all'orientamento verticale per la modalità Pivot che, ad esempio, permette di scorrere con gran comodità il codice di programmazione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!