Iscriviti

Pinebook, un ultrabook esageratamente economico con Linux o Android

La hardware house Pine64, dopo il suo primo computer single board economico, entra anche nel segmento dei portatili con un terminale, il Pinebook, in grado di offrire - per molto meno di 100 dollari - display HD, battera da 10000 mAh, e processore a 4 core.

Hi-Tech
Pubblicato il 28 novembre 2016, alle ore 17:50

Mi piace
6
0
Pinebook, un ultrabook esageratamente economico con Linux o Android

Pine64 è una hardware house nota – presso gli amanti dell’informatica “pura” e un po’ “artigianale” – per aver lanciato progetti informatici decisamente innovativi, come il computer “single board” (un SBC stile Arduino, o Raspberry, insomma) da 15 dollari. In questi giorni, la medesima azienda ha annunciato il suo primo notebook, dal nome “Pinebook“, sempre con architettura Allwinner A64, e prezzo iper-low cost.

Il Pinebook, dal punto di vista stilistico, è un elegante ultrabook bianco con dimensioni davvero compatte (352 x 233 x 18 mm) e peso pienamente in linea con la categoria in questione (solo 1.2 kg). Oltre alle specifiche in questione, a farne un terminale di calcolo decisamente molto mobile, contribuisce anche la presenza delle connettività Wi-Fi 802.11n e Bluetooth 4.0.

La potenza di calcolo messa a disposizione del Pinebook è soddisfacente: il processore è un Allwinner a quattro core con architettura a 64 bit, l’ARM Cortex A53, cloccato a 1.2 GHz e appaiato con una scheda grafica dedicata di tipo Mali-400MP2: la RAM è formata da un banco da 2 GB, mentre lo storage – da 16 GB – può essere espanso sino ad un massimo di ulteriori 256 GB, grazie allo slot per microSD. In ogni caso, i sistemi operativi supportati – sui quali torneremo in seguito – non risultano essere particolarmente esosi di risorse hardware: quindi, le specifiche sin qui viste sono più che bastevoli allo scopo.

Il display del Pinebook varia – in termini di polliciaggio – a seconda della versione scelta (da 11.6 o 14 pollici) ma risulta sempre costituito da un pannello in grado di erogare una risoluzione HD anche nei più periferici angoli laterali, in virtù della tecnologia IPS. La videocamera, per le videoconferenze e per le chiamate con Skype o Hangounts, risulta essere munita di un sensore da 1.2 megapixel, mentre l’audio – tra le altre cose – prevede il classico jack da 3.5 mm per le cuffie

Dotato di un touchpad da 5 pollici, bello ampio e sensibile, il Pinebook – col suo tipico form factor a goccia (0.24 pollici nella parte più stretta) – acquista diverse possibilità di espansione grazie alla dotazione di due porte USB (tipo 2.0), e di un’uscita miniHDMI (per il collegamento al monitor di una TV, o ad un proiettore cinematografico). 

La batteria a bordo è ragguardevole, con i suoi 10000 mAh, ed il sistema operativo è a scelta dell’utente il quale, per inciso, potrà istallarvi qualsiasi OS compatibile con la piattaforma Allwinner A64: da Linux (es. Ubuntu, o Debian), ad Android, senza trascurare nemmeno Chromium OS del quale Pine64 sta realizzando, proprio in questo periodo, una versione ad hoc. 

PineBook è già pronto per la commercializzazione: se ne attende solo la data ufficiale di lancio. In compenso, i prezzi sono già noti: si parte da 89 dollari (83 euro circa), per il modello da 11.6 pollici di display, e si arriva a 99 dollari (pressappoco 93 euro), per la variante da 14 pollici

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - I netbook erano dei mini portatili che, qualche anno fa, divennero un vero e proprio trend tecnologico grazie al loro prezzo molto basso, ed alla loro estrema portabilità. Poi, vennero soppiantati da tablet, ibridi 2-in-1, ultrabook molto compatti: tutti gioielli tecnologici che, però, non soddisfacevano appieno le necessità di chi, in passato, guardava proprio ai netbook. Il Pinebook, forse perché basato sull'hardware di uno smartphone medio-basso, riesce - invece - a rievocare in pieno le peculiarità dei terminali testé accennati e, quindi, si presta ad essere un ottimo dispositivo per introdurre all'informatica e, magari, per moderate attività internet (lettura mail, navigazione, social, gaming basilare, streaming).

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!