Iscriviti

Mumkair: ufficiale lo smartwatch con auricolari true wireless integrati

Una giovane azienda di Hong Kong prova a minimizzare i pochi inconvenienti degli auricolari true wireless attraverso una singolare "custodia", che funge da smartwatch sportivo, con annesse feature smart complete e lunga autonomia.

Hi-Tech
Pubblicato il 27 aprile 2020, alle ore 08:43

Mi piace
7
0
Mumkair: ufficiale lo smartwatch con auricolari true wireless integrati

Gli auricolari true wireless sono allo stesso tempo comodi, e scomodi, visto che – quando non in uso – pongono il problema di dover essere riposti, anche per entrare in fase di ricarica. La start-up honkonghiana Mumkair ha risolto l’amletico dilemma grazie ad uno smartwatch che, allo stesso tempo, funge da chassis di deposito per gli annessi auricolari Bluetooth.

Il nuovo smartwatch Mumkair ha un corpo IPX5, certificato come immune agli schizzi d’acqua, e cinturini in silicone: la parte alta evidenzia un display TFT da 1.3 pollici con risoluzione a 160 x 80 pixel sotto il quale si cela un processore a bassa potenza, il Nordic 52832 messo a dirigere i diversi sensori di bordo, tra cui uno di pressione, un accelerometro esa-assiale (idoneo per il monitoraggio del sonno), il motorino aptico per le vibrazioni, il chip Bluetooth, ed il cardiofrequenzimetro incaricato di tracciare la frequenza cardiaca e la pressione del sangue.

Capace di feature smart come gli alert, il contapassi, le calorie bruciate, e di rilevare automaticamente ed in modo accurato ogni movimento, attraverso l’app “Da Fit” permette di analizzare statisticamente i dati raccolti e di configurare le notifiche per chiamate e applicazioni desiderate. La batteria, da 190 mAh, caricabile via pin magnetici in 1.5 ore, assicura 15 giorni di stand-by, o 7 giorni di operatività, oltre a raddoppiare l’autonomia degli auricolari.

Questi ultimi (46 grammi), estratti dai lati dello smartwatch Mumkair, sono associati allo smartphone mediante il Bluetooth 5.0 grazie al chip 6932A che, nello specifico, si occupa di connettere singolarmente ogni unità al telefono, in modo che il suono non debba passare da un auricolare all’altro, con conseguente ritardo, e sì da poter usare anche una sola unità per volta, con switch istantaneo e senza interruzione all’altra. Dotati di controlli touch sulle pareti esterne, per regolare il volume, cambiare canzone, stoppare/avviare la musica, accettare/rifiutare le chiamate in arrivo, interpellare i concierge virtuali, gli auricolari in questione inglobano driver da 6 mm, microfoni per la cancellazione del rumore durante le chiamate, e batteria da 28 mAh, in grado di assicurare 3.5 ore di operatività (6 di stand-by) dopo una ricarica completa che avviene in un’ora. 

Per accaparrarsi un modello di smartwatch Mumkair occorre finanziarne la campagna di crowdfunding in corso su Kickstarter, ove l’acquisto del prodotto è consentito a partire da 80 euro circa, con le spedizioni schedulate (in caso di esito positivo) per Giugno. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Il progetto di Mumkair, se sarà coronato dal successo, potrebbe essere davvero intrigante. Gli auricolari sembrano curati bene quanto a qualità costruttiva, funzionalità, e attenzione al suono: lo smartwatch, invece, pare avere le feature smart-sportive che ci si aspetterebbe: ovviamente, la resa effettiva del connubio andrà valutata sul campo. Per quel che costa, un tentativo lo si potrebbe anche fare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!