Iscriviti

MiniPC alla carica, con le ultime promo di Minisforum, Beelink e Suncall

Le tigri cinesi Minisforum e Beelink, e la giapponese Suncall, cavalcano l'onda dei miniPC, computer con ingombro di mediacenter, mettendo in campo i promozionatissimi modelli Minisforum GK50, Beelink U59 e Suncall J3455.

Hi-Tech
Pubblicato il 18 ottobre 2021, alle ore 00:05

Mi piace
2
0
MiniPC alla carica, con le ultime promo di Minisforum, Beelink e Suncall

Salvaspazio per natura, spesso preferiti da coloro che vogliono qualcosa che si avvicini comunque al mondo dei normali desktop, se non altro per espandibilità e natura delle componenti, i miniPC sono una delle categorie hi-tech più in crescita, come dimostrato dai frequenti lanci dei brand cinesi Minisforum e Beelink, autori anche di interessanti promozioni, come quelle appena messe in atto in favore dei rispettivi modelli GK50 (già scontato del 6% su Amazon, costa 289.99 euro avvalendosi del coupon offerto da 20 euro) e U59 (su Amazon, già scontato del 27%, viene prezzato, dopo il coupon di 21 euro, a 248.10 euro).

Minisforum GK50 ha la forma di un vero e proprio mediacenter, uso al quale può essere in effetti destinato essendo molto silenzioso in quanto fanless, cioè privo di ventola: quest’ultima è assente visto il basso consumo (6 W di TDP) del processore quadcore (da 1.1 a 3.1 GHz In Turbo Boost) Intel Pentium N5030, però privo del multi-thread. La scheda grafica è integrata, in veste di Intel UHD 605, con 750 MHz massimi mentre, quanto alla memoria volatile, la RAM, si arriva ad 8 GB d’ammontare: per lo storage il discorso si fa più complesso.

Di base, il Minisforum GK50 è venduto con un SSD da 128 GB: volendo, però, si può sostituire quest’ultimo con un SSD M.2 di maggior capienza, o ampliare lo spazio d’archiviazione avvalendosi dello slot libero da 2.5 pollici per un SSD o HDD da massimo 2 TB. Da notare che, di lato, a destra, ove ci sono anche due ingressi per jack da 3.5 mm (cuffie e microfono), è collocato lo slot per le schedine microSD. Passando appunto al tema delle porte, il computer in questione palesa davanti un poker di USB 3.0, oltre al pulsante d’accensione: quello di reset è nascosto dietro, ove c’è anche l’ingresso per l’alimentazione, una RJ45 per il Gigabit Ethernet e le porte per connettere due monitor 4K@60Hz, cioè una Display Port e una HDMI. Non mancano, infine, le connettività senza fini, qui sostanziatesi nel Wi-Fi dual band e nel Bluetooth 5.0.

Vanno un po’ meglio le cose, quanto a componentistica elaborativa, col rivale Beelink U59: quest’ultimo infatti mette ai timoni di comando un processore del 2021, il quadcore (da 2.0 a 2.9 GHz) quadthread Intel Celeron N5095 con GPU integrata UHD Graphics: la RAM, dual Channel, è da 8 GB, ma può essere espansa sino a un massimo di 16 GB. Anche lo storage, che di base è formato da un SSD M.2 da 256 GB, può essere espanso, sostituendo quello in dotazione con uno più accogliente, e/o affiancando allo stesso un HDD o un SSD ulteriore grazie alla presenza d’uno slot libero da 2.5”.

Il tasto reset si trova davanti, assieme a due USB 3.0 Type-A, a una Type-C, al pulsante d’accensione e al jack combo da 3.5 mm per microfono e cuffie. Dietro, assieme all’ingresso per l’alimentazione a quello per la Gigabit Ethernet LAN, si trovano due uscite HDMI per collegare altrettanti monitor da max 4K@60Hz. Le connessioni senza fili, sempre comprensive del Wi-Fi dual band, qui scadono un po’ sul Bluetooth, solo 4.0

Più originale nella disposizione delle porte è il J3455 della giapponese Suncall che, davanti, colloca assieme al pulsante d’accensione lo slot per le microSD (128 GB), e due USB, di cui una 3.0. Dietro, assieme al jack da 3.5 mm, e all’ingesso per l’alimentazione, vi è l’RJ45 per l’Ethernet (alternativo al Wi-Fi dual band), una USB 2.0 e due uscite video (con supporto al 4K), in forma di HDMI.  Ai timoni di comando, dalle nebbie del 2016, arriva il quadcore (da 1.5 a 2.3 GHz) Intel Celeron J3455, un processore provvisto di iGPU Intel HD 500, che permette il supporto al Bluetooth 4.2. Le memorie, invece, si attestano su 6 (od 8) GB di RAM e su 128 (o 256) GB di storage SSD mSATA (con tale supporto sostituibile con uno più grande, e/o affiancabile con un SSD/HDD da 2.5”).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - I miniPC, in genere, è raro che costino molto: sono spesso molto accessibili e, magari avendo già in casa un monitor e un combo tastiera-mouse BT, risultano molto convenienti tout court. Tra i modelli in questione, sembrerebbe preferibile il secondo: ha anche una Type-C e un processore più recente. Ambedue sono animati da Windows 10, ma il primo viene confermato come aggiornabile a Windows 11 mentre, del secondo, non è chiaro se ciò sia possibile. Il terzo ha un processore del 2016, quindi non il massimo della vita.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!