Iscriviti

Mi Band 6: ufficiale la fitness band di Xiaomi con SpO2 e 30 allenamenti

Attesa all’esordio, è stata da poco presentata la nuova fascia fitness da polso, Mi Band 6, di Xiaomi, ora in grado di tracciare 30 attività sportive e di misurare anche la saturazione dell’ossigeno nel sangue.

Hi-Tech
Pubblicato il 5 aprile 2021, alle ore 12:28

Mi piace
7
0
Mi Band 6: ufficiale la fitness band di Xiaomi con SpO2 e 30 allenamenti

Accanto agli smartphone che hanno completato la serie Mi 11, ed al nuovo proiettore smart, da Xiaomi era attesa anche la nuova fitness Mi Band 6, puntualmente presentata, anche se deficitaria di quel modulo GPS che avrebbe reso del tutto superfluo il telefono durante gli allenamenti.

Cadenzata in 6 diverse colorazioni (Black, Olive, Orange, Ivory, Yellow, Blue), la Mi Band 6 (47,4 x 18,6 x 12,7 mm), impermeabile sino a 5 atmosfere, o 50 metri, ha un design molto simile al modello precedente: in compenso il display touch AMOLED, protetto da un vetro temperato oleofobico, è un edge-to-edge da 1.56 pollici, del 50% più grande che in passato, risoluto a 152×486 pixel, decisamente leggibile all’aperto (450 nits), con ottima densità di pixel (326 PPI), personalizzabile con più di 60 diversi quadranti.

Sul dorso, oltre al sensore PPG per il rilevamento 24/7 della frequenza cardiaca, è presente anche quello per la saturazione dell’ossigeno nel sangue (SpO2): tra le misurazioni rese possibili dalla nuova Mi Band 6 figurano anche quella dello stress, della salute femminile, e del sonno (nelle varie fasi e quanto a respirazione ed apnee notturne), con i dati che contribuiscono a stimare il livello di forma, via indice PAI.Assente il succitato GPS, spetta ad altri sensori (giroscopio e accelerometro triassiali) il tracking delle attività sportive, ora (vs le precedenti 11) in numero di 30 (es. boxe, stretching, ping pong, street dance, badminton, zumba, pallavolo, stepper, basket), di cui 6 (corsa, vogatore, ciclismo, camminata, ellittica, tapis roulant) rilevate e monitorate automaticamente.

Non manca il Bluetooth 5.0, per le notifiche dagli smartphone, Android (dal 5 in poi) e iOS (dal 10 in poi), con i quali l’interazione è gestita tramite le companion app Mi Fit o Mi Wear: al momento non è confermata la possibilità di rispondere rapidamente (come desunto invece da stringhe di codice rinvenute su Mi Fit) a messaggi ed SMS.

Autonoma per 14 giorni, dopo le 2 ore scarse di ricarica (via connettore magnetico clip-on/clip-off) necessaria alla batteria da 125 mAh, animata da un concierge virtuale (XiaoAi nella variante cinese, Alexa in quella global), la Xiaomi Mi Band 6 sarà in vendita dalla fine di Aprile, al prezzo – per l’Italia – di 49,99 euro. In Cina, risulta prevista anche la variante con NFC, prezzata a 279 yuan, circa 36 euro.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Dalla Mi Band 6 ci si attendeva molto, molto di più. Era già noto che il design non avrebbe innovato particolarmente, anche se il 50% di spazio in più sul display vuol dire più informazioni visualizzate: tuttavia, non si ha traccia del GPS, del controllo della domotica da polso, e del modulo NFC per i pagamenti, a quanto pare riservato ad alcuni mercati. In compenso, migliorano i tracciamenti, e l’autonomia è davvero encomiabile.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!