Iscriviti

Meizu Watch: ufficiale lo smartwatch completo, con 4G, NFC e Snapdragon 4100

Vox popoli, Voc Dei: i rumors che volevano Meizu impegnata sul suo primo smartwatch hanno colto nel segno, col marchio cinese che ha esordito tra i wearable makers col botto, grazie al suo potente (ma poco originale) Meizu Watch.

Hi-Tech
Pubblicato il 31 maggio 2021, alle ore 18:28

Mi piace
4
0
Meizu Watch: ufficiale lo smartwatch completo, con 4G, NFC e Snapdragon 4100

Come pronosticato da diversi mesi, il brand cinese Meizu ha deciso di cimentarsi in un segmento, quello degli smartwatch, per lui inedito, presentando il nuovo Meizu Watch (già acquistabile in Cina per 1.499 yuan, pari a pressappoco 162 euro), un wearable ben equipaggiato e completo, chiaramente ispirato nel design agli Apple Watch cupertiniani.

Provvisto di una cassa squadrata in lega di alluminio resistente all’acqua, il Meizu Watch (46 x 38,4 x 1.5~12.97 mm, 34/69grammi) fa a meno della corona laterale del rivale, puntando sulle gesture dell’interfaccia Flyme for Watch (a base Android) attuabili, sotto il vetro rinforzato e leggermente curvo ai bordi (2.5D) Gorilla Glass, sul display AMOLED da 1.78 pollici, risoluto a 368 x 448 pixel, con luminosità, presieduta dal sensore di luce ambientale, che può spingersi a 500 nits massimi.

Grazie al cinturino in gomma, il wearable è ancorato al polso, mettendo a contatto con la pelle i sensori grazie ai quali monitorare la frequenza cardiaca, la saturazione dell’ossigeno nel sangue (SpO2), e la qualità del sonno.

In quanto dotato del GPS (Beidou, Glonass), Meizu Watch riesce a monitorare autonomamente 13 attività sportive, mentre al modulo NFC spetta il compito di supportare i pagamenti contactless, ed alla eSIM 4G quello di consentire, mediante speaker e microfono, le telefonate direttamente dal polso: ovviamente, non manca la sincronizzazione delle notifiche, acquisite dagli smartphone, Android o iOS, mediante la connessione senza fili Bluetooth 4.2, portata in dote dal modem che autorizza anche il Wi-Fi n.

Elemento nevralgico del Meizu Watch, in tandem con 1 GB di RAM e 8 GB di storage, è il processore Qualcomm Snapdragon 4.100, praticamente il top del settore, se si esclude una sua variante ottimizzata per l’Always on: in ambito autonomia, invece, risulta integrata una batteria da 430 mAh, che consente 33 ore di telefonate sotto rete 4G, potendo recuperarne 9 in appena 15 minuti di giacenza sulla base di ricarica, provvista di microUSB Type-C. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Direi che il Meizu Watch non abbia punti deboli: ha un processore allo stato dell'arte, e un'ottima autonomia. Può servire a tante cose, tra cui il monitoraggio sportivo, quello della salute, a far le telefonate, ed a supportare i pagamenti NFC: risulta persino provvisto di GPS integrato, in modo da non doversi portare sempre dietro il telefono. Peccato per il design, per il quale si è deciso di andare a colpo sicuro.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!