Iscriviti

LCD vs OLED: TCL e Philips si sfidano a suon di TV smart per IFA 2019

Con la quasi certezza di rivederle, con dovizia di particolari su prezzi e distribuzione, ad IFA 2019, TCL e Philips hanno annunciato alcune delle prossime novità in fatto di smart TV, puntando su LCD ed OLED evoluti.

Hi-Tech
Pubblicato il 19 agosto 2019, alle ore 09:48

Mi piace
5
0
LCD vs OLED: TCL e Philips si sfidano a suon di TV smart per IFA 2019

In vista dell’IFA 2019 di Berlino, TCL e Philips scaldano i motori annunciando le rispettive novità in fatto di smart tv, col colosso cinese che propone nel mercato statunitense la Serie 8 delle proprie TV 4K con miniLED, ed il brand olandese che propone sempre un modello 4K, ma con tecnologia OLED.

TCL dimostra di credere ancora alla tecnologia LCD, e punta ad elevarne la qualità al pari dei più ambiti OLED con la Serie 8, formata da TV 4K da 65 e 75 pollici in cui, onde garantire un’illuminazione d’eccellenza, il local dimming, basato su pressappoco 1.000 zone di illuminazione, è ottenuto rivolgendosi, per la retroilluminazione, a 25 mila miniLED. Il ricorso al sistema Quantum Contrast, poi, consente di migliorare il contrasto, posto che la luce viene distribuita sull’immagine secondo criteri di plausibilità e realismo, mentre l’implementazione del Quantum Dot si occupa di garantire un’ampia resa cromatica, con lo gamma DCI-P3 coperta al 100%. 

All’interno delle TV Serie 8 il cuore hi-tech è formato da un processore di tipo grafico, AiPD che sfrutta l’intelligenza artificiale ed il machine learning per migliorare l’HDR (contemplati anche Dolby Vision ed HDR 10), l’upscaling in 4K, ed il contrasto: non meno interessante, a livello contenutistico, è l’intenzione dichiarata di integrare i video on demand offerti dalla piattaforma di streaming Hulu

Grazie al conferimento dei premi, in ambito televisivo, rilasciati – per il 2019/2020 – dall’European Imaging and Sound Association, EISA, ha ricevuto il battesimo dell’ufficialità la TV Philips OLED 984, montante un pannello OLED WRGB Ultra HD da 65 pollici di matrice LG. Ad animarla interviene, lato software, Android TV (su base Pie 9.0) e, quanto all’hardware, oltre che un quadcore Mediatek abbinato a 16 GB di storage, il processore video P5 Pro Picture, capace di migliorare il livello del dettaglio, la naturalezza dei movimenti, e di operare un bilanciamento sulla gamma cromatica, garantendo il supporto ai principali formati HDR (tra cui HLG, HDR10, Dolby Vision e HDR10+). 

La TV Philips OLED 984, beneficiata dell’illuminazione LED Ambilight lungo tutto il perimetro, può estenderne gli effetti di luce, sincronizzati con le scene dei film, anche ad altre parti della stanza grazie alle lampadine smart Hue: in ambito sonoro, si affida a una soundbar Bowers & Wilkins posta lungo il piedistallo da pavimento, “troncabile” nel caso la si appenda alla parete tramite l’attacco VESA, al cui interno – per ottenere una potenza di 60 Watt ed il supporto al Dolby Atmos – si sfrutta un subwoofer per le frequenze basse, e tre canali (dedicando quello nel mezzo ai dialoghi). Fornita di 4 attacchi HDMI, l’ultima smart TV OLED di Philips (codename 65OLED984) dispone anche di due sintonizzatori TV con codec HEVC, tra cui quello per il digitale terrestre DVB-T2 e quello per il satellitare DVB-S2.

Da segnalare che il telecomando agevola la digitazione dei testi grazie alla tastiera Qwerty posta sulla schiena, e consente l’uso dei comandi vocali per Google Assistant grazie al microfono integrato: disponendo anche di uno speaker esterno compatibile, si può sfruttare anche Amazon Alexa. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Certo, la TV OLED (protagonista della copertina) vanta una qualità impressionante, a livello d'immagine e, nel caso specifico di Philips, è interessante anche la soundbar annessa, capace di garantire un'ottima qualità sonora: insomma, il colosso olandese ha realizzato una sorta di centro d'intrattenimento da salotto, comprensivo di effetti luminosi. TCL punta ancora sugli LCD, ma ne alza il livello qualitativo, tale da portare anche all'ambito consumer una qualità visiva altrimenti appannaggio di prodotti più blasonati.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!