Iscriviti

Konami lancia una propria linea di computer desktop da gaming, serie Arespear

Secondo quanto reso noto da un rivenditore del posto, la giapponese Konami avrebbe aperto le prenotazioni per la vendita di un trio di tower desktop dedicati al gaming, gli Arespar, con un design decisamente curioso e suggestivo.

Hi-Tech
Pubblicato il 29 luglio 2020, alle ore 18:25

Mi piace
6
0
Konami lancia una propria linea di computer desktop da gaming, serie Arespear

Konami Corporation, noto sviluppatore e distributore di videogame, è passato dal semplice software all’hardware da gaming, secondo quanto riferito dal rivenditore PcWatch, che ha registrato come la casa madre di Silent Hill, Pro Evolution Soccer, e Castlevania, attraverso la controllata Konami Amusement, abbia iniziato a raccogliere gli ordini per 3 computer desktop da gioco inseriti nelle serie Arespear.

Arespar C300 (16 kg, 184.800 yen o 1.500 euro), C700 (17 kg, 316.800 yen o 2.573 euro) e C700+ (17 kg, 338.800 yen o 2751 euro), questi i nomi delle macchine, vantano uno chassis significativo (575.3×501.5x 230 mm) con un frontale caratterizzato da una struttura a nido d’ape (nonostante solo il primo opti per una dissipazione ad aria) e, nel caso del C700+, un trasparente pannello in acrilico dal  quale traspare un’illuminazione RGB. Sempre tra gli elementi comuni spicca la presenza di una scheda audio Asus Xonar AE, per un sound premium e la fornitura delle interfacce dedicate ai suoni (una S/PDIF digitale, un jack analogico da 3.5 mm in ingresso e, in uscita, altri jack da 3.5 mm analogici) e la sola porta Gigabit Ethernet LAN per la connessione a internet. 

Arespear C300, che ingloba due slot liberi PCIe 3.0 x1 per l’espansione, è mosso da un processore Intel Core i5-9400F supportato da 8 GB di RAM di tipo DDR4-2666 e da 512 GB di storage SSD con interfaccia PCIe M.2: alla scheda grafica dedicata GeForce GTX 1650 spetta il compito di assicurare le interfacce video DVI-D, HDMI 2.0b e DisplayPort 1.4. Frontalmente, sono presenti due USB 3.1 Type-A mentre, dietro, sono occultate due USB 3.2 (di cui una Type-C), una USB 3.1 Type-A, e un trio di USB 2.0.

Il modello intermedio, ovvero l’Arespear C700, e quello top, cioè l’Arespear C700+, non si fanno mancare nulla in tema di espandibilità, stante la presenza di una porta M.2 2280, di una coppia di slot PCIe 3.0 x1, di un solo slot PCIe 3.0 x4, e di un altro slot PCIe 3.0 x8: ambedue i modelli più prestazionali si affidano al processore Intel Core i7-9700, conservano 512 GB di SSD PCIe M.2 e usano una RAM DDR4-2666, tuttavia il quantitativo di quest’ultima è di 16 GB, e l’archiviazione può contare anche su un hard disk meccanico da 1 TB

La scheda grafica, negli Arespear C700 e C700+, è la GeForce RTX 2070 Super, sempre della scuderia Nvidia, che assicura una HDMI 2.0a e una tripletta di DisplayPort 1.4, cui vanno aggiunte, saldate sulla scheda madre, una DVI-D, una HDMI 1.4b ed una DisplayPort 1.2. In tema di porte USB, i punti in comune col modello entry level sono tantissimi e l’unica differenza è rappresentata sul retro, ove una USB 2.0 cede il posto a una più avanzata 3.2 Type-C. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Interessante. Verrebbe da dire che poche realtà al mondo possano conoscere quel che serve al gaming quando una società che i videogame li sviluppa: che poi sia effettivamente così, potranno dirlo solo le prove sul campo. Nell'attesa, scelte delle buone componenti, e scheda tecnica alla man, non resta che complimentarsi per l'originalità degli chassis esibiti. Quanto meno, la grattugia in stile Apple è evitata...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!