Iscriviti

Il raggio di luce di Star Trek esiste, ma cattura solo gli insetti

La prima versione del 2015 è stata ulteriormente migliorata: ora il raggio traente è persino in grado di catturare degli insetti. Ma in futuro sarà ulteriormente potenziato per essere utilizzato in ambito medico e farmaceutico.

Hi-Tech
Pubblicato il 26 gennaio 2018, alle ore 17:19

Mi piace
15
0
Il raggio di luce di Star Trek esiste, ma cattura solo gli insetti

Solo qualche anno fa poteva sembrare fantascienza: oggi, il raggio traente di Star Trek è invece realtà. Ma c’è un però: non dobbiamo immaginarlo in tutto e per tutto uguale a quello in uso dal capitano Kirk e dal vulcaniano Spock. Creato traendo spunto dal telefilm, ad oggi il raggio non riesce ancora a disporre delle stesse potenzialità.

Se l’USS Enterprise si avvaleva di un raggio traente al fine di attrarre o respingere oggetti, oggi la moderna tecnologia è riuscita a metterlo in pratica, ma la sua potenza è decisamente inferiore a quella in uso nella celebre serie televisiva.

Il raggio traente, evoluzione della prima versione presentata nel 2015 che era in grado di attirare oggetti non più grandi di un millimetro, è stato oggi ulteriormente potenziato. Grazie a questo upgrade, il raggio può catturare insetti, ed è anche in grado di far levitare piccoli oggetti. Il più grande che è stato in grado di attrarre è una pallina di polistirolo del diametro di due centimetri.

A raggiungere questo obiettivo ci ha pensato un’équipe dell’università britannica di Bristol, guidata da Asier Marzo. Il frutto delle loro ricerche è stato pubblicato sulla rivista Physical Review Letters.

Il segreto di questa tecnologia è rintracciabile nell’uso dei vortici di ultrasuoni. La loro lunghezza d’onda è simile a quella che solo i pipistrelli sono in grado di udire. A questo punto, bisogna tenere a mente quella che è la struttura dei classici cicloni.

Riprendendo quella che è la loro forma, attorno all’occhio del ciclone a ruotare sono le onde sonore, al cui interno vengono intrappolati gli oggetti. Inoltre, cambiando la velocità dei vortici, sarebbe possibile attirare degli oggetti sempre più grandi. Il che vuol dire che, un giorno, il raggio potrebbe essere in grado di attrarre anche un uomo. Si arriverebbe così a quella che in gergo prende il nome di levitazione umana.

Ma a cosa potrebbe servire questa forma di “intrappolamento acustico”? Gli utilizzi sarebbero molteplici, applicabili a quasi tutti i tipi di oggetti solidi e liquidi. Per gli scienziati si aprirebbero nuove prospettive in ambito medico e farmaceutico. Ad esempio, si potrebbero manipolare farmaci e bisturi direttamente nel corpo umano. Oppure, si potrebbero muovere degli oggetti senza doverli toccare e quindi contaminare.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - La levitazione umana è un sogno sempre meno lontano. Al momento, gli scienziati sono riusciti a catturare degli oggetti molto piccoli, ma la ricerca con gli anni farà sicuramente dei passi da gigante. A quel punto, bisognerà porsi una serie di domande, perché - come spesso capita - ogni invenzione non viene utilizzata solo ed esclusivamente a scopo di bene. Anche la criminalità potrebbe essere interessata a questo tipo di tecnologia.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!