Iscriviti
Bologna

Emilia Romagna e Giappone unite per migliorare la vita delle persone

Sette accordi tra il nostro paese e il Giappone per collegare centri di ricerca e super computer per poter studiare ed elaborare la qualità della vita delle persone e lo studio del cambiamento climatico

Hi-Tech
Pubblicato il 10 settembre 2019, alle ore 09:53

Mi piace
4
0
Emilia Romagna e Giappone unite per migliorare la vita delle persone

La città di Bologna sta diventando uno dei centri Scientifici di rilevanza a livello europeo e Mondiale, visto che il Tecnopolo di Bologna diventerà la sede del centro europeo di supercalcolo per le previsioni meteo e non solo.

In quegli stessi locali sono attesissimi il supercomputer Leonardo previsto nel 2020 e la partnership con IBM Centre, per avviare lo studio dedicato alla ricerca sull’invecchiamento in collaborazione con le sedi di Kyoto e Zurigo.

Patrizio Bianchi, assessore regionale al coordinamento delle politiche europee, università e ricerca, ci dice: “Il nostro Paese continua a sottostimare la propria eccellenza in questo campo: siamo tra i soli cinque soggetti europei e i 14 a livello mondiale che si confrontano in questo settore. Ci tengo però, a sottolineare che non si tratta di accordi stipulati solo dall’Emilia Romagna ma da tutto il sistema Paese

Bianchi la scorsa settimana ha presentato sette preaccordi con il Giappone per garantire lo sviluppo continuo di attività scientifiche e tecnologiche sia nel campo dei super calcoli, che dell’IA (intelligenza artificiale) e della ricerca sull’invecchiamento legata alla mobilità e alla robotica, e questi accordi andranno verificati e vagliati dalla Farnesina.

Si è scelto il Giappone, perché in questo campo non ha pari, visto l’enorme sviluppo tecnologico e il concreto attivismo nel campo del miglioramento della qualità della vita delle persone. Con questi accordi si andrà a collegare i centri Bolognesi con l’AIRC, il centro di ricerca sull’intelligenza artificiale basato sul monitoraggio del pianeta Terra e sulla mobilità, l’università di Tsukuba che ospita uno dei più importanti Tecnopoli al mondo, e Keihanna science city, dove si trova l’istituto nipponico di ricerca sull’intelligenza artificiale legata al linguaggio umano.

Patrizio Bianchi dice: “Non abbiamo mai avuto tutte le tecnologie che abbiamo oggi, ma allo stesso tempo non abbiamo mai avuto tutti i problemi che abbiamo oggi“, quindi l’unione di queste super potenze sarà fondamentale per elaborare capire e rimediare a questi due grandi problemi che sono l’invecchiamento e il clima.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Alessio Attardi

Alessio Attardi - Fenomenale vedere quanta sia l'eccellenza in Italia, riconosciuta a livello mondiale: abbiamo le menti e le strutture giuste e sta a noi riuscire a valorizzare al meglio. Lo studio e le prospettive che si presentano sono fondamentali e da non sottovalutare: cambiamento del clima e popolazione che invecchia sono due fatti concreti e veri e studiare oggi i mutamenti futuri ci darà un passo avanti per poter essere pronti e preparati in un futuro non poi così lontano visto i cambiamenti veloci.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!