Iscriviti

È ufficiale: con il MagicBook anche Honor ha il suo ultrabook Windows

Honor, sussidiaria low cost di Huawei, non ha certo lesinato in potenza e qualità nel presentare l'elegante ultrabook professionale MagicBook, che sancisce il suo ingresso nel mondo dell'informatica mobile Windows.

Hi-Tech
Pubblicato il 19 aprile 2018, alle ore 17:21

Mi piace
11
0
È ufficiale: con il MagicBook anche Honor ha il suo ultrabook Windows

Honor, lo spin-off low cost del marchio cinese Huawei, ha tenuto un evento in Cina con il quale ha presentato una serie di novità hardware molto attese dai fan del brand: tra queste, senza dubbio un certo scalpore ha destato il primo portatile Honor, il MagicBook che, certo, ha tratto non poca ispirazione e know how dal ”cugino” MateBook

L’Honor MagicBook ha un telaio colorato (rosa, argento, e grigio scuro) realizzato in alluminio, sia per una questione di leggerezza (1.47 kg) e spessore (15.8 dietro, 9.8 mm davanti), che di dissipazione del calore, ottenuta grazie all’effetto “canyon” (scanalature sul dorso inferiore della ventola maggiorata, per catturare ancor più aria). A circondare tale struttura, troviamo – a destra – il jack da 3.5 mm per cuffie e microfono ed una USB 2.0, mentre – a sinistra – sono ubicate due USB (una 3.0 ed una Type-C anche per l’alimentazione), oltre a un’uscita HDMI 2.0. La tastiera è retroilluminata (3 livelli), con corsa dei tasti tarata a 1.3 mm: curioso il tasto d’accensione, che fa anche da scanner per le impronte.

Il display, posto sotto la webcam, ed entro cornici da 2.5 mm, è un pannello LCD da 14 pollici, con risoluzione FullHD, apribile a 180° per favorire il lavoro di gruppo, mentre – a completamento del segmento multimediale – fanno bella mostra di sé quattro speaker ottimizzati Dolby Atmos. L’ammontare e la scelta delle memorie, a bordo del MagicBook della Honor, sono davvero ottimi: la RAM arriva ad 8 GB, mentre lo storage – da 256 GB – essendo un SSD, avvia il sistema operativo Windows 10 (con Office incluso) in 7.6 secondi.

Assistiti da una scheda grafica dedicata, Nvidia MX150 (con 2 GB di memoria GDDR5 a parte), troviamo – a scelta – un Intel Core i7-8550U (4 core) o i5-8250U, sempre di tipo Kaby Lake R: tale preferenza, abbinata ad una batteria da 57.4 Wh, garantisce (sulla carta) 12 ore di autonomia (in uso medio, o nella visualizzazione di video e nel gaming). Le connettività, fattore cruciale quando si è al cospetto di un portatile, possono sfoggiare antenne Wi-Fi 2×2 MIMO, schermate a 360° contro le interferenze.

Plus gradito, il software “Magic Link” che cura l’interazione con gli smartphone Honor sia in ottica sicurezza (il notebook si sblocca all’avvicinarsi del telefono, e si spegne/blocca all’allontanarsi del medesimo), che per lo scambio di dati senza il bridge di app o cloud di terze parti. Il nuovo Honor MagicBook è già in preordine (in Cina), a 733 (i7) e 643 (i5) euro circa, con spedizioni previste a partire dal 23 Aprile. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Da lontano, si fatica a capire se sia o meno un MacBook Pro: indubbiamente, il riferimento al notebook professionale della Apple è molto chiaro. In questo caso, col MagicBook, però, si ottiene un'ottimo ultrabook Windows che costa decisamente una frazione del competitor più blasonato, non lesinando né in potenza, né in sicurezza o cura multimediale. Le antenne Wi-Fi scelte, l'app Magic Link, e la tastiera retroilluminata, sono ben difficili da trovare in fasce di prezzo simili.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!